lunedì 24 agosto 2009

SUPERSTITI METROPOLITANI

La giornata di mercoledì 12/8 la devo proprio raccontare perché ha dell’incredibile, ma è la pura verità. Nei 22 appartamenti in sette piani che fanno parte del fabbricato in cui abito devo ritenere di essere rimasto l’unico superstite o quasi visto quanto è accaduto. La categoria custodi-portieri è estinta.
Sono le 9.00 a.m. qualcuno suona alla porta, domando chi è e mi sento rispondere che è la figlia del vicino la quale viene a portarmi le chiavi di casa sua. Già, l’avevo dimenticato, come ogni estate mi danno le loro chiavi perché io pensi al loro gatto di casa, durante l’assenza di tutta la famiglia. Io questo gatto non l’ho mai visto. Ogni giorno che sono entrato per le sue necessità lui non c’è. Ma esiste oppure no? Invece esiste e me n’accorgo dal fatto che mangia quello che gli preparo aprendo varie scatolette, beve l’acqua e lascia nella sua sabbietta parte di quello che ha mangiato e bevuto. Chicco – così si chiama – si nasconde, oppure dorme, oppure è un fantasma che finge di essere un gatto.
Verso le 11 a.m. suona il citofono, domando chi è e mi rispondono “la postaaa”. Quindi apro il portone e tutto sembra sistemato salvo il fatto che per me non c’è neppure una bolletta da pagare – luce, gas o telefono – ma solo qualche lettera per chi è in vacanza e depliant pubblicitari per recarsi al mare ai carabi o in altre località esotiche. Grazie tante, queste informazioni sono preziosissime.
Alle 14.30 p.m. mentre sono lì che sto facendo una pennichella sento suonare alla porta di casa. E mò chi è? Lo domando e un’altra vicina, single, abbastanza giovane, che non sta quasi mai in casa, mi dice che deve chiedermi un favore. Le dico di accomodarsi, ma non può perché ha lasciato la porta di casa aperta. Mi espone un suo problema. Cade acqua nel suo bagno proveniente dall’appartamento del piano di sopra. Embè? E io che c’entro? Mi prega di andare da lei a dare un’occhiata. Io da buon vicino aderisco, entro, vedo che sta piovendo un poco sopra il suo water benché fuori il sole spacchi le pietre e mi rendo conto del problema. Le suggerisco di andare da quelli di sopra: sono in vacanza, allora dall’amministratore del condominio: idem c.s. E’ inutile chiamare un idraulico perché il danno va riparato dall’appartamento soprastante E allora? Le suggerisco alcuni provvisori ridicoli rimedi come se io ne capissi qualcosa e la saluto augurandole buon ferragosto!
E arriviamo alle 16.30 p.m. Anche questa volta suonano alla porta. La solita domanda “chi è?” e mi risponde una voce maschile, accento veneto per quello che capisco io, che mi richiede cortesemente un favore! Ancora? Ma che giorno è venerdì 17 ? Con precauzione gli apro la porta, prima si presenta, poi mi afferma che abita al quarto piano – io non l’ho mai visto – e mi racconta che una sua domestica nel fare le pulizie ha acceso contemporaneamente troppi apparecchi e quindi le è saltata tutta la corrente elettrica. Gli preciso subito che non sono un elettricista così come alla precedente visitatrice avevo precisato di non essere un idraulico, ma lui mi assicura che ha soltanto bisogno delle chiavi della cantina dove si trovano tutti i contatori dell’intero fabbricato custoditi in una sorta di armadio di ferro e vetro con tanto di serratura tipo cassaforte. Aggiunge che purtroppo le chiavi della cantina le ha la propria moglie la quale trovasi in questo periodo in vacanza al mare e quindi mi chiede se gliele posso prestare. Io invece mi presto ad accompagnarlo, lui accetta e allora scendiamo insieme. Gli faccio vedere tutte le operazioni necessarie da compiere dato che lui non ci ha mai messo piede, gli dico di rientrare in casa e di avvisarmi se tutto è andato a posto. Riscende e mi conferma il ripristino della corrente. Risaliamo, mi ringrazia molto presentandosi – come il solito non ho capito né nome e neppure il cognome – mi saluta e se ne va.
Passano appena trenta minuti e il campanello della porta torna a suonare. Ho capito, devo decidermi ad evadere da casa mia. Abito al primo piano quindi prendendo un lenzuolo e attorcigliandolo a mo’ di corda, aprendo la finestra, calandomi in strada posso fuggire verso la libertà da campanelli di qualsiasi tipo. Altra suonatina del campanello, ripeto la stessa domanda e mi risponde la voce del veneto del quarto piano: povero me, la corrente elettrica gli è scomparsa un’altra volta. E invece???
Lui mi porge sorridendo una capace busta di carta con dentro cinque – dico cinque – bottiglie di vino accompagnate da un largo sorriso e da numerosi altri ringraziamenti. Io resto imbambolato, cerco di dirgli che non è il caso, che mi sento imbarazzato, ma lui non sente ragioni. Insiste dicendo che lui è un commerciante in questo ramo, mi porge la mano e mi saluta ancora più calorosamente di prima. Poggio le cinque bottiglie sul ripiano della credenza, ne leggo le etichette, non ne capisco granché dato che “parlano” francese e le metto in attesa. Però, hai capito il veneto che bravo, tre rossi e due bianchi, un po’ elevati di grado ma pazienza soffrirò in silenzio.
DULCIS IN FUNDO: poco dopo le 18.00 p.m. la suonata al citofono di mio figlio che è solito passare quasi quotidianamente per una visitina, dà un’occhiata in giro, incrocia le cinque bottiglie e le squadra. “Papà” mi dice “questo è vino d’alta qualità”. Lui afferma di essere un discreto intenditore e un buon bevitore. Neppure gli interessa sapere da dove sono piovute quelle bottiglie, le scruta attentamente e tre di loro s’involano verso casa sua, Poi, di quello rimasto, mi raccomanda di berlo con parsimonia dato che è vino d’alta gradazione.
Con tanti ringraziamenti al gentile signore del quarto piano e alle chiavi della cantina in vacanza al mare.

34 commenti:

Poeslandia ha detto...

Una luminosa buona giornata, magari con un pò meno visitatori, :-)
Come sempre ti leggevo con sorriso..
Simpatico il racconto. un abbraccio con stima, Lisa

Daniela ha detto...

Fantastica giornata, del tipo tutto accadde in una notte! Almeno la cortesia esiste (tu) e la gratitudine anche (il vicino del quarto piano)! Un grosso abbraccio ed un saluto al gatto_fantasma! (anche il mio Fofo è così, se non ti conosce, non lo vedi) Ciao^^^

riri ha detto...

Ciao Aldo, è stata una giornata movimentata non c'è che dire:-) Mi consola il fatto che esistono ancora persone (in via di estinzione nella categoria riconoscenti) che ogni tanto riescono a stupirci. Il gesto in sè è molto bello, offrire del vino è come porgere la mano per fare amicizia.Ti auguro un buon inizio settimana (con meno suonate di ciucchin-campaniell) ed una sonata di Mozart:-)
Sai, qui non è molto diverso, ci si conosce poco, soprattutto nella casa in cui abito da 21 anni, però con alcuni c'è un rapporto forte e sabato 29/8, tempo permettendo, faremo una bellissima grigliatona in cortile..
ps. qui piove a "zuffunn" da ieri notte. Un saluto affettuoso e rispettoso.

BIANCA ha detto...

Si, veramente simpatico il racconto.

Sono contenta e onorata al contempo, per il commento che hai lasciato sul mio modesto blog!
Trovo interessantissimo il tuo spazio! E, riguardo al segno zodiacale, ti posso confermare che appartenere al nostro,è gran cosa!

E ROMA come sta?! E' tanto che non passo di li... e mi manca molto...

A presto Aldo

aleph ha detto...

Ahahahhhah,brillante! Mi sono divertita un sacco. Ti preferisco da 'commediante' che da 'drammatico polpettone'. Ma infine qualsiasi cosa scrivi risulta per magia sempre e comunque una bella storia.

Jasna ha detto...

o Aldo... inutile dirti che hai una bella narrativa... mentre leggevo mi facevo delle gran risate... e ti immaginavo mentre magari imprecavi in romanesco... però dai la giornata è finita bene con qualche bottiglia di vino. Un abbraccio.

la signora in rosso ha detto...

il mio tuttologo si chiama Sergio...le bottiglie gliele porto a Natale!
NB. credo che anche lui, ogni volta, imprechi...
Radiosa giornata

paoladany ha detto...

Però quando scrivi tu starei ore a leggerti... hai mai pensato di farlo di mestiere?
un salutone dal caldo della toscana. Paola

Lara ha detto...

Sempre grandioso, Aldo!
Come si fa a non ridere? Pur capendo che tutta una giornata ad aprire la porta e gentilezze varie, non sia il massimo per chi le vive, per chi le legge sono esilaranti :D
Un abbraccio e buona giornata,
Lara

Vincenzo Cucinotta ha detto...

@Aldo
In realtà, tu in quella giornata hai ricevuto due regali: oltre al vino, ti hanno costretto a un attivismo frenetico, così stai in forma e non ti senti solo :-D

zefirina ha detto...

bè così non ti annoi mai!!!!
ti avranno preso per il custode (inteso tipo sacerdote...vestale) del palazzo!!!

anche io questa estate ho dato da mangiare a vari gatti di amiche sparsi per roma,mi sentivo un incorcio fra san pietro e un carceriere per quanti chiavi mi portavo dietro

il monticiano ha detto...

@Poeslandia: Lisa ti ringrazio per il generoso commento e ti abbraccio amch'io.

@Daniela:Hai capito perchè ho voluto raccontare quella giornata particolare?
Mi sto chiedendo però come mai non ho più incontrato il vicino del IV piano?
Il tuo saluto al gatto glielo faccio dare dalla sua famiglia perchè ieri sono rientrati dalle vacanze. Meno male giacchè non avrei saputo come salutare un gatto che c'è ma non c'è. Ciao.

@riri: E in effetti avermi regalato
del vino è stato proprio un bel gesto d'amicizia.
Una sonata di Mozart è mille volte meglio del suono dei campanelli, hai ragione.
Mi raccomando per la grigliatona: andateci piano e buon appetito.
Meno male che da te piove, qui per ora non se ne parla.
Un saluto affettuoso anche a te.
ps.elimina pure il rispettoso,grazie,mi fa sentire più vecchio di quello che sono.

@BIANCA: Lo sapevo io che il sogno zodiacale VERGINE è una gran cosa!
Roma è bella ma sempre piena di traffico. In ogni caso sta sempre qui e ti aspetta.
A presto Bianca.

@aleph: Ho capito ti piace di più il mio scrivere da mattacchione.
Se sono tratte dalla realtà anche le storie un po' più serie potrebbero andar bene.

@Jasna: Ma lo sai che quando ho finito di descrivere quella giornata veniva anche a me da ridere? Si è finita bene, soprattutto per mio figlio.
Un abbraccio anche a te.

@la signora in rosso: Chissà se anch'io a natale riceverò la visita del vicino del IV piano con le mani occupate? Io non imprecherò
Buona giornata a te.

@paoladany: al tuo gentile commento rispondo rubandoti la frase che campeggia nel tuo blog e che mi dice "resta sempre uguale a come sei...tanto resterai...PER SEMPRE UN SOGNATORE".
Il saluto da Roma te lo rimando ancora più caldo.

@Lara: ridi, ridi, credi a me, quel giorno ne ho avuto poco di tempo per ridere. L'ho fatto però quando ho finito di scrivere il resoconto di quel dì famigerato.
Un abbraccio anche da me.

@Vincenzo Cucinotta: Con quel pò pò di viavai mi sono sentito veramente in compagnia.
Senza trascurare il "vino generoso" (dalla Cavalleria Rusticana).

@zefirina: sì però e meglio che non si sparge la voce che accudisco un gatto perchè qui c'è anche qualcuno che ha un cane.
(

Viviana ha detto...

Che fantastica giornata, almeno non puoi lamentarti del fatto che sei da solo e che nessuno si ricorda di te, He he he he. Povero Aldo ma almeno hai potuto constatare di avere dei vicini di casa meritevoli. Se vuoi ti presto la mia cagnolina così la metti a guardia del campanello quando desideri sonnecchiare, che ne dici? Buona vita, Viviana

upupa ha detto...

MA CHE GIORNATA MOVIMENTATA!!!!!hAI VISTO PERò CHE GENTILEZZA?ANCORA ESISTE!!!!!!!!!!!
UN ABBRACCIO

stella ha detto...

Aldo, non ti sei annoiato...e il caldo deve esserti sembrato meno pesante!

gturs ha detto...

Grande aldo, peccato tu non sia un mio vicino....;))
buona serata, roberta.

Francy274 ha detto...

Bella l'idea di calarsi giù con il lenzuolo arrotolato...i troppi campanelli la fanno venire davvero questa fantasia :)
Comunque con cinque bottiglie di vino, anzi due, il fastidio svanisce...cin-cin Aldo :)

il monticiano ha detto...

@Viviana: la cagnolina? L'ho sempre desiderata. Le farei imparare anche ad aprire la porta e ad invitare i vicini a non disturbare perchè Aldo sta sonnecchiando.
Buona vita anche a te.

@upupa:il vicino del IV piano è stato veramente gentile e io ho cercato di fare del mio meglio.
Ricambio il tuo abbraccio.

@stella: annoiato proprio no, ma che sudata per andare a destra e a manca.

@gturs: Non ti preoccupare io posso adoperarmi anche per chi è lontano. Tariffa doppia naturalmente: dieci bottiglie di vino.
Buona sera anche a te Roberti'.

@Francy 274: La tentazione m'era venuta poi però ho rinunciato. Mi è andata bene, ancora faccio cin cin.

rosy ha detto...

una giornata movimentata che alla fine si conclude anche con un un buon vino...non hai pensato di aprire una bottiglia berne al massimo due bicchieri. per concludere una giornata cosi tanto frenetica.

"a capa fresca" vuol dire quando una persona è sempre allegra.
Aldo io sono un'ottimista per scelta.
buona giornata

Antonella ha detto...

Giornata abbastanza movimentata e...meno male che il palazzo era quasi vuoto! E' bello però guardarsi intorno e scoprire che un pò di gratitudine esiste ancora...come esistono le persone gentili e disponibili come te! Buona giornata....e salutami il gatto (io ho tre cani...)
Ciaooooooooo

Antonella ha detto...

Scusami, dimenticavo di ringraziarti per esserti aggiunto ai miei lettori...le cose che scrivi le leggo volentieri! Un saluto e buona giornata sperando che sia meno calda....

chicchina ha detto...

Ciao,Aldo un giro fra gli amici,sei a capo della lista.
La prossima volta,anche s sei in casa,metti un bel cartello:troverai un testo appropriato,e forse ti lasceranno tranquillo.
Però è bello sapere che ci sei,lo dico anche a nome dei tuoi distratti coinquilini,che conoscono certo la tua simpatia e disponibilità.Un abbraccio .

Pupottina ha detto...

wow ho un nuovo racconto.... ehehehehe
torno per leggerlo con calma nel primo pomeriggio

a dopo
ciao

p.s. sono contenta che il frappè al caffellatte sia stata la tua scelta per questa calda ed afosa mattinata
;-)

ANNA ha detto...

Rieccomi di ritorno dalle vacanze!! Sto facendo il giro per salutare tutti gli amici, per il momento sono ancora in fase caos, ma conto di ritornare in pista presto e bene! un abbraccio fortissimo! :)

Pupottina ha detto...

rieccomi
in fin dei conti, il pomeriggio non è andato male.... eheheheh... e se hai dovuto fare scale per tenere tutti contenti e come se avessi fatto anche palestra....
wow per le cinque bottiglie, ma si sa come sono i figli.... pazienza!
tu resti comunque un uomo dalle mille risorse!
;-)

desaparecida ha detto...

beh una bellissima intensa giornata!!
Hai visto il film "pranzo di ferragosto"?
E' molto carino e merita,all'inizio leggendoti mi sembrava una cosa del genere!

Un abbraccio a te e alla dolcezza del tuo racconto! :)

Luigina ha detto...

Arrivo un po' tardi Aldo, ma mi son goduta un mondo questo tuo nuovo racconto, che mi ha messo di buonumore. Riesci a rendere divertenti con la tua sottile ironia e i tuoi commenti anche i contrattempi fastidiosi delle tue giornate. I tuoi vicini saranno un po' rompi, però si vede che ti stimano e ti vogliono bene e te lo sanno dimostrare.

Paola ha detto...

Hahahahahaha... per la erie oggi voglio proprio rilassarmi!!!
Ma chi è andato in ferie nel palazzo... erano tutti lì a cercare te....eh???
Cmq... la tua gentilezza e disponibilità è stata premiata...
Ciao Aldo dolce notte... baciotti

il monticiano ha detto...

@rosy: grazie ma io di vino ne bevo soltanto poco più di mezzo bicchiere solo a pranzo. Comunque ci pensa mio figlio a farlo fuori in breve tempo.
Piacerebbe anche a me essere na capa fresca. Buona notte.

@Antonella 1°) e 2°): Ebbene sì, ci sono sempre persone gentili e grate per l'aiuto che ricevono.
Quest'anno il gatto di mio figlio non è venuto a villkeggiare da me.
Un cane l'ho sempre desiderato ma non è stato possibile averne almeno uno.
Lo scambio nell'elenco dei sostenitori mi è sembrato il minimo che potessi fare per leggerci reciprocamente.
Qui a Roma è stata una giornata caldissima.

@chicchina: L'unico cartello che potrei mettere sarebbe quello con la scritta APERTO PER FERIE.
Ci cono persone che incontro per le scale ma che non so neppure dove abitano ma che io saluto sempre: buongiorno e buonasera. Penseranno che io faccia parte dell'arredo condominiale.
Un abbraccio anche a te.

@Pupottina 1°) e 2°): Il fatto è che io posso pure essere l'uomo dalle mille risorse ma quello che è certo e che noin sono l'uomo delle cinque bottiglie.
Kevin mi ha fatto assaggiare il frappè al caffellatte: buono davvero.

@ANNA:Bentornata e buon lavoro e cerca di recuperare il tempo perduto: hai molti amici da visitare.
Un abbraccio forte anche da me.

@desaparecida: No quel film non l'ho visto ma mio figlio m'ha promesso che me lo procura in DVD.
A te un abbraccio per la tua dolcezza.

@Luigina:Bè, dei vicini non mi posso davvero lamentare nè tantomeno di quel genere di ringraziamenti.
Dopo una giornata così mezzo bicchiere di vino - non di più - ci stava proprio bene.

@Paola: Una giornata particolare che non potrò mai dimenticare, anche perchè l'ho postata sul blog.
Un abbraccione e dolce notte anche a te.

Renata ha detto...

Caro Aldo, mi sono goduta il tuo delizioso trance de vie che mi lascia un po' malinconica.

Si caro Aldo, mi piacerebbe averti come vicino di casa. Sei un vero, raro tesoro e bene ha fatto lo sconosciuto condomino veneto a dimostrarti la sua gratitudine.

Non ho pregiati vini da offrirti, ma ho la mia simpatia per te e l'affetto che si sta facendo spazio nel mio cuore.

Li vuoi ?. Un abbraccio. renata

Paola ha detto...

Wowowowowow.... amico mio!!!
Si si entra pure con i piedi che degustiamo le bottiglie di vino francese....mmmmmmmm... glu glu glu... bono!!!!!
E dimmi che te ne pare delle due fette abbondanti di torta???
Beh... spero buona!!!
Ciao Aldo grazie di essere passato e degli auguri... come al solito sei gentilissimo... dolce serata ti abbraccio forte forte... baciotti

pia ha detto...

Edddai, ce ne fossero di giornate così!

il monticiano ha detto...

@Renata: Direi proprio di si.
Sarei uno sciocco se non accettassi tali graditissimi doni.
Anch'io ti abbraccio con affetto.

@Paola: Ti rinnovo gli auguri e ti ringrazio della splendida serata.
Io sono stato contentissimo della torta e a te è piaciuto il vino?
Buona nottata e un abbraccio.

@pia: Proprio così sarebbe un po'faticoso e poi finirei con l'ubriacarmi.

Gennaro ha detto...

CAro Aldo ,la mia vicina una volta e' venuta alle 7,00 (io mi sveglio sempre alle 9) a chiedermi degli assorbenti femminili!!
MA senza bottiglie di vino ahime'!
Sempre simpaticissimo, un saluto dalla Peucetia!