mercoledì 21 settembre 2011

QUELLA VACANZA DEL '71 - scritto nell'aprile del 2009

Un viaggio in Inghilterra o meglio a Londra in particolare è stato, sin dall’infanzia, il sogno del
mio rampollo. Fu così che nel giugno del ‘71, ultimate le scuole, tanto fece e tanto disse che, dopo una lunga e faticosa battaglia, vinse le mie reticenze e riuscì a convincermi a programmare il viaggio. Una curiosità: a quel tempo lui aveva 12 anni io 41… E questa non è stata, purtroppo, l’unica sua vittoria: altre se ne sarebbero presto aggiunte.
=Mese di luglio dell’anno di grazia 1971 d.c. La decisione fu presa. Per dire il vero a decidere furono, all’unanimità, il rampollo e la mammina. Questa è la democrazia, la maggioranza vince.
Dunque, ritorniamo allora a quel giorno. Si va a Londra. Ma ecco i primi quesiti: come ci si arriva? Esistono varie opzioni: a piedi, con i pattini, in bicicletta, in carrozza, a cavallo, in macchina, in treno, in deltaplano, col pallone aerostatico, in nave - una crociera? Il mio sogno. Oppure in aereo Su quest’ultimo mezzo ho posto il mio veto.. Una breve consultazione: chi ha la patente? Io soltanto. Rapidamente viene presa la decisione - da loro due - andiamo in macchina. Sebbene abbia compiuto tre anni appena pochi giorni fa, Celestina - trattasi di una Fiat 1100/R -,. ha espresso la volontà pure lei, di farsi visitare dai suoi specialisti del ramo: elettrauto, gommista, meccanico ed io l’accontento. La ricerca del percorso da fare è un po’ più problematica. Chiedo in giro e riesco a sapere dove si trova un’agenzia di viaggi che si occupa esclusivamente di organizzare vacanze in Inghilterra. Recatomi sul posto indicato mi presta la sua attenzione una distinta signora dall’aspetto giovanile che mi spiega, in italiano ma con un piacevole accento anglosassone, l’itinerario migliore per arrivare a Londra. Mi consegna addirittura un depliant con annessa cartina stradale turistica dove è tracciato minuziosamente l’intero percorso da Roma a Londra. La milady mi fornisce ulteriori dettagli circa la prenotazione da fare sia per il traghetto con il quale dovrò attraversare il Canale della Manica, sia per una camera in un decoroso albergo londinese. Mi suggerisce altresì alcuni preziosi consigli tra i quali anche quello di munirmi di moneta appropriata prima della partenza. Tramite un amico che lavora in banca, cambio una certa quantità di lire italiane in dollari.
=Primi di agosto dello stesso anno di grazia 1971 d.c. Finalmente, dice il rampollo, arriva il giorno fatidico: si parte. L’equipaggio del mezzo è composto dal primo pilota - pardon autista -che sono io, dall’assistente addetta anche alla sussistenza che è la mia metà e dal nostro unico figliolo. Questi, dopo essersi impossessato a viva forza del depliant e annessa cartina, si autonomina subito navigatore con precisi compiti ciceroniani, si installa sull’ampio sedile posteriore e mi affligge elencandomi indicazioni e istruzioni con una continuità impressionante. Percorriamo l’Autostrada del Sole - a quei tempi si chiamava così - a discreta velocità, fermandoci soltanto per questioni impellenti. C'è da tenere ora in considerazione le ripetute sollecitazioni del rampollo che chiede ogni dieci minuti: quando si arriva a…?, quante ore mancano per…? e via discorrendo. Letteralmente stremato, dopo oltre 620 chilometri, ci fermiamo ad Alessandria, in Piemonte, per mangiare un boccone e per cercare di riposare in una piccola pensione. Ma, sia io, per la stanchezza, sia il rampollo, per l’eccitazione, non riusciamo a prendere sonno. L’indomani, dopo una breve colazione, si riparte. Torino, Aosta e il Valico del Gran San Bernardo superato il quale mettiamo ruote e piedi in Svizzera, a Martigny dove il rampollo “deve”, così afferma lui, dare seguito a quello che io definisco “il patibolo del fotografato”: e cioè deve scattare alcune foto-ricordo. Continuiamo il viaggio e cammina, cammina, no, pedala, pedala, neppure, beh insomma proseguiamo e arriviamo in Francia dove ci fermiamo per una breve sosta, naturalmente con foto, a Besancon. Il rampollo-navigatore mi incalza, facendomi inca…re, dicendomi che siamo vicini a Reims quindi ormai non manca molto per Calais dove si trovano i traghetti per la traversata. Lui, con quel depliant e annessa cartina, è già arrivato. A parole. Da parte mia è perfettamente inutile smoccolare anche perché il rampollo si sente confortato dall’atteggiamento della mammina. Io conto unicamente perché devo guidare. Nei pressi di una strada, ritengo provinciale, troviamo una deviazione per lavori in corso che ci costringe a percorrere una sorta di viottolo di campagna, il tutto in mezzo a una piantagione di non so che tipo e che sembra non finire mai. Fortunatamente mi incollo alle ruote di un’altra auto con targa francese che mi precede e che appare, l’autista, non lei, sicuro di sé. E’ sera inoltrata quando all’orizzonte vedo Calais! Siamo qui con due giorni di anticipo ed il nostro traghetto partirà fra 48 ore. Allora, cerchiamo e troviamo un albergo dove soggiornare. Dopo le formalità di rito entriamo nella stanza che ci è stata assegnata e la mammina, dopo aver esaminato attentamente il letto dove dovremo dormire, afferma categoricamente che le federe dei guanciali non sono pulite sventolandomi sotto il naso alcuni capelli. Discutiamo un po’ e poi decidiamo di andarcene l’indomani. Questa notte dormiamo seduti. Dopo la colazione mattutina decido di fare un tentativo. Mi reco al punto d’imbarco dei traghetti per l’Inghilterra. M’imbatto in un giovane dipendente della società di navigazione e gli chiedo, in uno slang misto inglese-italo-americano, se esiste la possibilità di anticipare il traghettamento. Lui mi informa che si può fare soltanto se non ho camper o roulotte al seguito; gli dico che al mio seguito ho soltanto una moglie e un figlio ma questo non è un impedimento - secondo lui. In neppure mezz’ora ci troviamo a bordo. La fuga da Calais è riuscita. Dopo aver sistemato Celestina, saliamo sul ponte del traghetto e ci gustiamo l’attraversamento della Manica. Il rampollo non fa che scattare fotografie. Io continuo a dirgli di sospendere ogni tanto, ma è come parlare alle “bianche scogliere di Dover”- England- che ad un certo momento ci appaiono in lontananza. Esulta il rampollo come farebbe un marinaio di vedetta su una nave in difficoltà gridando a gran voce: “terra, terraaaaa”. Celestina ci accoglie nel suo grembo e noi cominciamo le operazioni di sbarco quando veniamo subito stoppati da un’enorme “bobby” che, pur sorridendo, mi fa capire che sto andando per il verso sbagliato. E’ vero! Mi torna in mente uno dei consigli di milady: qui la guida è a sinistra. Il rampollo e mammina sghignazzano ma io fingo di averlo fatto di proposito per vedere come andava a finire. Comunque è meglio che da adesso in poi mi ricordi di questo piccolo particolare. Faccio subito rifornimento di benzina anche perché qui costa meno e, seguendo le istruzioni del “navigatore”, imbocco la strada per Londra. Appena vi arriviamo, riusciamo a trovare facilmente il piccolo albergo che ho contattato prima di partire perché si trova in una zona abbastanza centrale: nei pressi di Hyde Park al vertice del quale è lo Speaker's Corner il famoso angolo dei liberi oratori domenicali e Marble Arch . Parcheggio davanti l’albergo, trasloco famiglia e bagagli nella camera senza bagno che ci hanno assegnato e ci mettiamo subito in moto, a piedi, per visitare la città e dare inizio alla nostra vacanza. Il vialetto dove si trova l’albergo è piacevole, con delle panchine lungo il suo percorso personalizzate, nel senso che su ognuna di esse c’è una targhetta con nome, cognome e una data: devono essere state donate dalle persone che vi sono indicate. Ci troviamo subito in Oxford Street dove noto una fermata dell’”underground”, un negozio che vende anche giornali italiani, una banca: insomma sono, cioè siamo soddisfatti. Dobbiamo trovare qualche locale dove si può mangiare qualcosa senza incidere troppo sulle nostre sostanze, sia a pranzo che a cena, poiché l’albergo dove soggiorniamo offre soltanto il “breakfast” al mattino. Passeggiando notiamo però che ci sono in giro dei banchetti-carretto che vendono “hot-dog” caldi e alcuni piccoli locali dove si possono acquistare “fish and chips”, oltre a numerosi “pub”,naturalmente. Una mattina siamo andati in uno di questi per prendere un caffè ma hanno impedito al rampollo di entrare perché non aveva l’età e lui è rimasto fuori con un muso così lungo che toccava terra. Avremmo fatto meglio anche noi a non entrarci dato che il “coffee english”somiglia più ad una purga allungata che ad un qualsiasi caffè all’italiana. Quel caffè che continuiamo a chiedere ogni giorno. La prima giornata londinese termina alle 21 circa, ora in cui io decido che è meglio rientrare in albergo per il meritato riposo: nessuno si oppone perché siamo stremati. Il giorno seguente consumiamo la prima “breakfast” e decidiamo subito che per noi quello non è da considerare come una prima colazione, ma è da paragonare ad un pranzo: tè, milk, bacon, butter, corn-flakes, eggs, orange juice, per di più serviti al tavolo dal proprietario o gestore dell’albergo. Con la pancia piena ci dirigiamo verso la macchina che avevo parcheggiato poco distante il giorno prima e trovo sul parabrezza un foglietto avvolto nella plastica, probabilmente per evitare che si rovinasse in caso di pioggia, nel quale sono riuscito a tradurre che mi è stata appioppata una sostanziosa multa per divieto di sosta. Vado dal proprietario dell’albergo e gli chiedo se mi può indicare un garage vicino per poter posteggiare la macchina per qualche giorno. Mi reco al locale indicatomi e due robusti africaner mi accolgono ben volentieri e mi indicano dove far riposare Celestina, anche ad un costo abbastanza conveniente.
Prima di iniziare la visita turistica dei principali luoghi e monumenti londinesi cerchiamo di imparare bene i numerosi percorsi dell’underground distinguibili perché tratteggiati con colori diversi. L’unico che li sa distinguere a meraviglia e rapidamente chi è se non il rampollo? Il quale soltanto due o tre giorni dopo il nostro arrivo, approfittando di un mio momento di debolezza, mi strappa il permesso di andarsene da solo a farsi un giro per la metro di Londra con grande disapprovazione della mammina. Eccoci quindi pronti a trascorrere la nostra vacanza visitando tutti i posti più famosi della città, vediamo inoltre il cambio della guardia davanti Buckingham Palace, il passaggio del battello sul Tamigi e incrociamo spesse volte i caratteristici taxi e bus londinesi a due piani di colore rosso. Non manchiamo anche di fare una capatina – ahimè - all’immenso magazzino “Selfridge” sulla Oxford Street. Tutto ciò implacabilmente immortalato da un’ossessionante sequela di scatti fotografici tra i quali quello in cui io e la mammina veniamo inquadrati dal rampollo ai piedi della statua di Riccardo Cuor di Leone. Questa fotografia è particolare perché, oltre a noi due, il rampollo ha fissato in modo inequivocabile il “corpo del reato” da lui commesso. Gli ho sempre raccomandato di badare a dove appoggiare la custodia della macchinetta fotografica ogni volta che avesse sentito la bramosia di scattare foto, ma quella volta la mise sul tetto di una macchina in sosta nei pressi della statua e lì fu dimenticata, non da me. Starà ancora lì ad aspettare il suo proprietario?
E venne il giorno...
- 1)del primo imprevisto: nel leggere un quotidiano italiano apprendo che il “dollaro sta calando”; mi precipito in banca e nell’effettuare il cambio constato che effettivamente ci sto rimettendo un bel po’. E così nei giorni a seguire. Alla faccia dei preziosi consigli della gentile milady di Roma. In fondo però come poteva saperlo?;
- 2)di un “e-vento” anch’esso non previsto. Una mattina, dopo aver fatto colazione, stiamo per uscire, attraversiamo la piccola hall dell’hotel dove scorgiamo, seduto di spalle su un divano, uno sceicco arabo - lo desumo dal suo abbigliamento - che sembra assopito. Improvvisamente - io sono innocente, lo giuro- si sente un”peto” talmente sonoro che lo sceicco si volta bruscamente e ci guarda spaventato. I due, rampollo e mammina, dopo avermi rimproverato ad alta voce chiamandomi pure per nome, se la danno a gambe, come se fosse colpa mia. Che potevo fare? Sono arrossito ed ho detto umilmente “sorry”;
- 3)della piacevole vista, nei pressi della Victoria Station, di un locale: un grill-room gestito da italiani dai quali ci facciamo servire qualche piatto di cui avevamo nostalgia. C’è però un problema: tutto viene servito col butter. Alla mia richiesta di un po’ d’olio d’oliva si guardano in faccia ma non si perdono d’animo: lo vanno ad acquistare in farmacia!;
-4)del guaio da me combinato quando ho lasciato Celestina al garage: i due africaner appena mi vedono cominciano a sbraitare talmente inca…ti che soltanto dopo un bel po’ riesco a capire quello che ho mal-fatto. Non solo non ho lasciato chiavi ma ho addirittura messo il bloccasterzo. La qual cosa, come si può immaginare, ha impedito a chiunque di spostare Celestina da lì dove, parecchi giorni prima l’avevo posteggiata, cioè dietro a due macchine alle quali è stato impedito ogni più piccolo movimento, sia “avanti sia indrè”;
- 5)dell’imperdibile - dice il rampollo- partecipazione ad un evento calcistico: una partita del campionato inglese tra due squadre londinesi di notevole qualità dove peraltro giocavano alcuni famosi calciatori che avevano preso parte ai campionati mondiali dell’anno precedente. Benché lo stadio si trovi a Londra, la strada per arrivarci è piuttosto lunga, ma la sa altrettanto lunga il rampollo-navigatore che con la sua cartina in mano mi dirige autorevolmente. Faccio una sosta accostando a sinistra davanti un negozio per acquistare non rammento cosa. Appena entrato la signora che è al bancone mi dice in inglese che io sono italiano. Incuriosito, le chiedo, cercando di farmi capire, come fa a saperlo e lei mi indica il borsello che ho sul braccio: un segnale preciso della italica moda di quegli anni. Quando usciamo dal negozio io e il rampollo vediamo che un bobby tutto sorridente sta scrivendo qualcosa su un blocchetto davanti a Celestina ed alla mammina che, anche lei sorridente, se ne sta placidamente seduta al posto del passeggero. Col mio famigerato slang cerco di spiegare al bobby come stanno le cose e lui, sempre sorridendo, mi fa capire che possiamo andare: la multa potrà essere pagata successivamente. Giunti allo stadio, comodamente seduti tra i placidi tifosi delle due squadre, assistiamo all’incontro ma dopo poco l’inizio del secondo tempo qualcuno di noi ha urgente bisogno del bagno. Ci alziamo tutti per andare a cercarlo, ma ci accorgiamo presto che non è né il momento né il posto più indicato.. Quel poco di trambusto creato da noi che andiamo alla ricerca del bagno è qualcosa di comico. Gli spettatori inglesi seduti vicini a noi ci lanciano appena un piccolo sguardo: la classica flemma britannica.
- 6)dell’incredibile giornata del 15 agosto: un freddo cane ed una pioggerellina fastidiosa, fortuna che abbiamo gli indumenti adatti. Il giorno dopo però, ci ritroviamo un sole meraviglioso tanto che Hyde Park è pieno di gente che si crogiola al sole seminuda. Indico alla mammina di accomodarsi su una sdraio, mentre io e il rampollo ci allontaniamo un attimo. Al nostro ritorno notiamo che la mammina sorride amabilmente ad un bobby che, anche lui sorridente, ha un blocchetto in mano e cerca di farsi capire dicendo che per occupare una sdraio occorre pagare qualcosa. Sistemo la questione e ce ne andiamo tutti a passeggio;
- 7)della “mazzata”: il giorno prima del nostro rientro in Italia mi viene l’idea di pranzare in un vero ristorante italiano. Lo troviamo rapidamente ed entriamo: notiamo subito che è un bellissimo locale. Mentre ci accomodiamo, ci viene incontro un distinto cameriere anche lui italiano il quale ci fa sedere ad un tavolo addobbato lussuosamente. Senza indugio, gli chiediamo di portarci del buon vino italiano ed i piatti del giorno, magari pesce, e non vogliamo leggere il menù. Ci viene servito un ottimo pranzo ed al termine, dopo un vero caffè italiano, mi viene consegnato discretamente il conto. Ho un lieve mancamento ma con signorilità pago, invito i miei ad uscire e, appena fuori, mi riempio la faccia di pugni. Loro non capiscono ma io ricorderò questo pranzo per l’eternità.
=Il giorno del ritorno è arrivato. Decido di non rifare la stessa strada del viaggio d’andata. Quindi da Dover, col traghetto, sbarchiamo a Ostenda, in Belgio, proseguiamo per la Germania dove arriviamo che è quasi notte. Stiamo percorrendo un’autostrada, senza pedaggio ma anche senza autogrill, motel o pompe di benzina dove poter chiedere asilo e informazioni. Ad un tratto il rampollo mi fa cenno che ho appena sorpassato un cartello indicatore. Rischiando di schiantarci verso alcune auto che stanno sopraggiungendo a forte velocità, a marcia indietro torno dove effettivamente c’è un cartello con la scritta “Ausgang”. Finalmente un qualche luogo dove poter sostare. Dobbiamo però fare parecchi chilometri prima di giungere ad una cittadina che non credo si chiami come indicava il cartello. Io però il tedesco non lo parlo e quindi si può chiamare come crede. Troviamo un albergo dove un omone che si presenta con un cane enorme, lupo, pastore, leone non so, comunque al guinzaglio e con la museruola, ci concede di entrare. Siamo stanchi, ma riusciamo a riposare bene. La mattina dopo, ingoiata un’abbondante colazione, riprendiamo l’autostrada verso l’Italia. Lungo il tragitto, pensando ad una breve sosta, ci fermiamo nei pressi di una bassa costruzione dove vedo fermarsi altra gente. Mentre ci avviciniamo, notiamo che si tratta di una specie di bar automatico nel senso che tutto ciò che desideri di commestibile si può avere infilando monete nelle apposite feritoie di alcuni scaffali ricolmi di cibi e bevande. Stiamo consumando quello che abbiamo scelto quando si avvicina un distinto signore, capelli bianchi, bel portamento il quale in un discreto italiano mi racconta che durante la guerra ha fatto il soldato proprio di stanza a Roma e quindi appena ha letto i dati della targa di Celestina ha voluto fare la nostra conoscenza e salutarci. Gentile però. Commentiamo il fatto ed intanto arriviamo in territorio italiano ma dopo un lunghissimo tunnel, appena ne usciamo, c’investe una specie di tempesta. Vento e pioggia a secchiate, buio da fare spavento tanto che non si riesce a vedere al di là del parabrezza di Celestina. Fortuna che ci troviamo sull’Autostrada del Sole! Appena intravedo una grossa stazione di servizio con tanto di area di sosta mi precipito e vedo che già altri hanno avuto la stessa idea, specialmente alcun grossi Tir. Visto che il temporale non smette decidiamo di
trascorrere la notte tra le braccia della nostra Celestina. L’indomani, appena spuntato il sole, ci affrettiamo a riprendere il cammino verso casa. Il che avviene in tarda serata. Tutto è andato bene? Credo di sì. Celestina non mi ha creato problemi e meno male perché ne avevo avuti già in abbondanza. La vacanza è terminata.
Arrivati a casa, parcheggio Celestina accanto il marciapiede, scendo, m’inginocchio e bacio la terra ove poggio i piedi.

23 commenti:

riri ha detto...

Carissimo Aldo è un racconto troppo interessante, pena che mi hai lasciato mille emozioni, dalla voglia di picchiare teneramente il "rampollo", alla voglia scatenata di dire quattro parolacce postume ai vigili inglesi..all'uopo ti racconto che un anno dopo la tua avventura andammo a Napoli, targa di Torino, chiaramente e parcheggiammo per vedere un film orrendo "l'esorcista", all'uscita tutte le auto targate napoli erano indenni da multe per divieto di sosta, tranne la nostra ahahahah
Un abbraccio Aldo e sono contenta che hai scritto questo bel racconto che coinvolge..solo come tu sai fare:-)

Ibadeth ha detto...

Racconto avvincente!
Anche io e il mio compagno abbiamo fatto qualcosa del genere. Senza macchina, però: la abbiamo lasciata a Calais.
Ottima la colazione inglese, serviva anche da pranzo. L'effetto terminava verso le cinque, giusto in tempo per il tè.

enrico ha detto...

E meno male che hai perso la memoria, pensare che poi laggiù c'era ancora il dollaro! Viaggiare è fatica tremenda per te, lo si capisce bene, ma non pare la stessa cosa per il rampollo, mi sembra, che spero avrà continuato nel suo desiderio di voler vedere quello che c'è dietro la collina. E poi meraviglia, ti eri fermato ai primi di agosto del 71 proprio ad Alessandria! Ma in quale pensione? Il Londra vicino alla stazione o il Cappel verde (ormai chiuso) o l'Europa? Pensare che pochi giorni dopo il 1 settembre cominciavo il mio primo giorno di lavoro proprio lì vicino! Dai che è stato bello, tanto le multe allora mica ti arrivavano in Italia.

Grace (ma gnappetta della Val Gina) ha detto...

Oddio, Aldo... sono morta dal ridere!
"Il patibolo del fotografato", la scorreggia che ha fatto destare lo sceicco e i pugni che ti sei dato uscendo dal lussuoso ristorante italiano mi hanno fatto letteralmente spanciare!
Ringrazio il rampollo per avervi "costretto" a fare questo viaggio, se non l'aveste fatto io non avrei potuto leggere questo esilarantissimo racconto!
Un abbraccione

Maraptica ha detto...

Sei un pozzo dal quale uno pesca storie e si accorge solo dopo, che sono tutte belle ed esilaranti! :) L'Inghilterra mi è piaciuta ma... vogliamo dir male alla nostra Italia?! ;)

chicchina ha detto...

Caro Aldo,sento la mancanza dei tuoi scritti,ma per ora posso solo
lasciarti un rapido saluto,in attesa di riprendere le mie buone abittudini casalinghe,fra qualche settimana,spero.Ciao

Nounours(e) ha detto...

Mi è sembrato un film alla Mr Bean.

A chi non è successo qualcosa di simile? A me è successo avvicinandomi molto a fantoziani ricordi.

Un abbraccio
Nou

Ernest ha detto...

grazie per queste storie Aldo!

Costantino ha detto...

E,però,quantomeno,tu in Inghilterra ci sei stato.
E poi,casa mia,pur piccina che tu sia...

zefirina ha detto...

w l'inghilterra ;-)

zicin ha detto...

Caro Aldo, scusami, ma ho le lacrime agli occhi... non per solidarietà per le tue varie traversie, ma per il gran ridere.
Sei straordinario!!!
Un viaggio interessantissimo e per niente noioso... direi.
Vedo che sei in gran forma e ti è passato il blocco dello scrittore.
Bene... sono molto contenta per te e ti saluto con un sorriso.
A presto

Adriano Maini ha detto...

Dimenticherò qualcosa, perché ancora preso dal tuo racconto entusiasmante, ma credo che per il mangiare a Londra per un italiano sia ancora come al tempo del tuo viaggio. E quelle macchinette automatiche erano una vera rarità.

cristiana2011 ha detto...

Aldo, sei troppo forte! Mi hai ricordato un film di Sordi in viaggio con la moglie,ma mancava il tocco che ha dato il tuo rampollo.
Queste esperienze sono belle da ricordare e da raccontare, come sai fare tu.
Cristiana

Tina ha detto...

Ti ho letto ieri sera e Maurizio è corso a vedere (guardava la partita in cucina) cosa mi stesse facendo ridere a gola piena ;-))

Se questo è il blocco, non oso pensare cosa ci riserva la tua verve unita al tuo vissuto ;-))

Ti adoriamo Aldo, rassegnati ;-))

Agnese ha detto...

penso con nostalgia alle vacanze con la famiglia, alle partenze, ai preparativi, ai siparietti...
poi si cresce e alcune cose non si fanno più insieme
non io però, prima o poi riuscirò ad organizzare una crociera... partire con i propri cari ha tutto un altro sapore!

Nicole ha detto...

Tra i tuoi racconti sicuramente più bell. SAi emozionarmi come pochi. C'è tanta saggezza e curiosità in te. Ma anche ironia, un senso della vita ammirevole. Vorrei leggerli a scuola alcuni tuoi racconti. Insegnare ai bambini come si diventa UOMINI.

Carlo ha detto...

Ciao Aldo e buona serata. Ho avuto la fortuna di leggere molti dei tuoi racconti ma questo, giuro, è veramente fantastico!

Oltre alle risate che mi hai fatto fare, hai risvegliato i ricordi di un viaggio a Londra di anni fa, non in auto però! Non ce l'avrei mai fatta! Alcune sensazioni da te raccontate, le ho vissute alcuni anni dopo di te: i nostri ristoranti da dove esci che ti senti rapinato; i bobby sempre presenti se per caso fai un errore; quei caratteristici locali londinesi che ricordi e tante altre sensazioni che questo tuo racconto ha rinnovato alla memoria.

rosy ha detto...

Aldo, dopo cena mi voglio godere con calma questo post
solo a darci un'occhiata
vedo che è interessante...d'altronde come tutte le cose che scrivi.


Sono passata ad invitarti
a fare un saltino
"in punta di piedi"
Non te ne pentirai.

A dopo.

Ambra ha detto...

Una vacanza indimenticabile! E' troppo bello il tuo racconto. Mi sono divertita una sacco. Il tuo è un umorismo quasi all'inglese ... :-)

rosy ha detto...

Caro Aldo, leggendoti
in tante cose mi hai ricordato
Alberto Sordi
nel film
Le vacanze intelligenti.

Tu sei partito con il piede giusto
solo che poi gli imprevisti fuori patria si presentano sempre

Altro che vacanze scusami ma è stato un incubo.
Queste due scene mi hanno fatto morire dal ridere.. mi sono immaginata la scena.

"un bobby tutto sorridente sta scrivendo qualcosa su un blocchetto davanti a Celestina ed alla mammina che, anche lei sorridente, se ne sta placidamente seduta al posto del passeggero"

" Al nostro ritorno notiamo che la mammina sorride amabilmente ad un bobby che, anche lui sorridente, ha un blocchetto in mano e cerca di farsi capire dicendo che per occupare una sdraio occorre pagare qualcosa"

Forte! e nemo male che la mammina sorrideva sempre.

Alduccio, una cosa è certa che l'unico contento
di questa vacanza secondo me è stato
il "navigatore" scusa volevo dire il rampollo...Tu nel 71 avevi già il navigatore, hai anticipato i tempi.

Però di quella vacanza restano le foto, i ricordi e il coraggio di essere stato all'altezza della situazione...anche io al ritorno avrei baciato il suolo romano.

Non parliamo del caffè...al mio ritorno dalla francia mi sono fermata al primo autogril e ho preso un doppio caffè per dimenticare quello francese.


Grazie, che condividi con noi i tuoi ricordi e lo dico sinceramente ci arricchiscono tanto.

Mentre nel 71 tu facevi Fantozzi a Londra io davo alla luce Laura, che da quando ti ha conosciuto direttamente è rimasta abbagliata da te.

Ti abbraccio con tanto affetto.
buonanotte.

Paolo Falconi ha detto...

Aldo,
Ulisse ha letto la tua storia, e ha chiesto a Omero, svegliandolo nel cuore della notte, di riscrivere l'Odissea, prendendo qualche spunto (copiando a man bassa, dalla tua avventura), poi sai come sono i re greci antichi, civettuoli, e quindi ha preteso il borsello anni settanta, come segno del suo rango per non parlare dell'idea di rispondere al canto delle sirene con dei roboanti peti:-) stordendole e sfinendole (dopo aver mangiato un bel piatto di fagioli, al ristorante inglese di cucina italiana, facendo incazzare Omero che ha dovuto pagare il conto e le varie multe dei Bobbys, ben felici, di stangare altri poveri turisti ignari:-)

ma gli inglesi de che razza so?
Figli di androcchia, altro che gentlemam!

Un Saluto al Mitico e Unico Aldo:-)

Sandra M. ha detto...

ALondra... macchina...nel '71...CHE MITO. Fortunato il rampollo con mammina e papà di tal fatta!

Fra ha detto...

Quando mi hai scritto che eri stato a Londra 40 anni fa, non avevo realizzato che quarant'anni fa significa "solo" nel 71 (cioè quando sono nata io)... Bello il tuo racconto di viaggio! :)