lunedì 5 novembre 2012

LISA DAGLI OCCHI BLU

Era ed è il titolo di una vecchia canzonetta degli anni 70 che a quell'epoca era molto in voga sia alla radio che in TV.
Il titolo di questa canzone fece tornare in mente a Piero un ricordo di molti anni prima.
Lui ne aveva circa 52 di anni e, durante un lontano mese di luglio, gli capitò un'occasione che non poteva lasciarsii sfuggire.
Il marito di una sua nipote aveva parcheggiato una roulotte di sua proprietà in un campeggio un poco prima di Grosseto, molto vicino ad una bella spiaggia del Mar Tirreno. Il nipote acquisito ci andava con sua moglie tutti gli anni per trascorrervi l'intera estate e, quando il tempo lo permetteva, i fine settimana dei periodi autunno-invernali. Quel lontano mese di luglio però avevano deciso di visitare la Francia e quindi chiesero a Piero se voleva andarci lui a trascorrervi un periodo di villeggiatura cosa che non faceva da anni. Accettò di buon grado dato che, per vari motivi, sarebbe rimasto solo a Roma per quasi tutta l'estate.
La roulotte, attrezzatisima all'interno, aveva sul davanti una sorta di veranda di tela-mare che si poteva aprire e chiudere comodamente con l'ausilio di una lunga chiusura lampo. Davanti una piccola aiuola e, ai bordi di questa, due basse siepi di mortella, a destra e a sinistra che la distanziavano dalle roulotte confinanti. Per l'accesso a tutte le roulotte si percorreva una stradina non asfaltata che serviva per la circolazione di soli pedoni e che collegava i vari servizi del campeggio,piscina, bar-tavola calda con rivendita di giornali, ampio locale bagni e docce comuni.
I vicini di roulotte di Piero erano a sinistra una coppia di turisti tedeschi piuttosto anziani e a destra una giovane donna di età tra i 35 e i 40 anni che si comportava in un modo abbastanza singolare. La sera verso le venti si dileguava, forse in giro per il campeggio, e si ritirava molto ma molto tardi. Piero invece quando c'era qualcosa di interessante, si metteva dentro la veranda chiusa, sdraiato comodamente per vedere qualcosa su una piccola televisione portatile in bianco e nero, oppure a letto a leggere un libro. La mattina si alzava presto, faceva colazione in roulotte, andava ad acquistare un quotidiano e poi si metteva comodo in una sedia a sdraio nell'aiuola antistante e si dava alla lettura. Non andava al mare ma qualche volta si recava alla piscina del campeggio per dare solo un'occhiata in giro poiché non aveva mai saputo nuotare.
Una mattina, mancavano una decina di giorni alla fine della sua permanenza nel campeggio, erano appena le sette quando, contrariamente al solito, vide la sua giovane vicina che, su una sedia a sdraio, guardava verso il cielo e fumava una sigaretta. Si salutarono così come avevano fatto nei giorni precedenti ma in un orario molto diverso e scambiarono quattro chiacchiere anche stando seduti. Incuriosito molto Piero educatamente le chiese se andava tutto bene e lei rispose che aveva trascorso la notte in bianco senza riuscire a dormire. Le chiese inoltre se aveva fatto colazione e
poiché gli rispose che non l'aveva ancora fatta, le disse se gradiva prendere un cappuccino che le avrebbe preparato e lei accettò dicendo che sarebbe venuta a prepararselo. E così fece. Durante la colazione gli raccontò alcune cose sue personali e che non era sposata ma conviveva con un suo collega di lavoro a Firenze, sua città natale e di residenza. Conversando così piacevolmente non si accorsero che si stava avvicinando quasi l'ora di pranzo e Piero si chiese come erano volate quelle ore senza che entrambi se ne fossero accorti. Decisero di andare insieme al bar-tavola calda, poi mangiarono qualcosa, non molto per la verità, e neppure bevvero alcoolici essendo entrambi astemi.
Nel rientrare alla roulotte lei gli disse che la sua di roulotte l'aveva lasciata completamente sottosopra e gli chiese se poteva riposarsi lì da lui. Piero le rispose che non c'erano problemi. Si presero un caffé che funzionò come una droga dato che scambiandosi soltanto uno sguardo il programma non andò come s'era detto e... non riposarono. Per il restante periodo del loro soggiorno in quel campeggio, altre quattro o cinque volte...non riposarono.
Ciò che Piero ricordava benissimo di lei erano le sue labbra piene, con il labbro superiore che era arcuato perfettamente. Altro non gli era rimasto impresso nella memoria almeno così gli sembrava.
Il nome della giovane donna era Lisa ma...non aveva gli occhi blu.

26 commenti:

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Anche se a quei tempi non ero ancora nata ricordo molto bene questa canzonetta
Buona giornata!

m4ry ha detto...

Ricordo benissimo quella canzone.....e davvero bello e intrigante questo racconto.
Un abbraccio Aldo, e buona giornata !

keiko ha detto...

Carissimo, scusa se posto una cosa che non c'entra niente col tuo bellimo post.
Ti ringrazio per avermi informata della presentazione del libro di Zio, ma purtroppo io quel giorno ho una gastroscopia e, anche sbrigandola di mattina, non ho assolutamente nessuno che dagli sprofondi della mia periferia mi possa portare avanti e dietro nel centro di Roma, e sinceramente farmela da sola con i mezzi pubblici di sera non me la sento proprio.
Mi piacerebbe moltissimo partecipare, ma sono proprio in difficoltà.
Fai tu delle foto per me e poi postale.
Un bacio:))

cristiana2011 ha detto...

Mi resta una curiosità : dove andava Lisa durante la notte?
Comunque, buon per lui, che ha passato una vacanza davvero confortevole.
Cristiana

nucci massimo ha detto...

Posto che Lisa facesse di mestiere quel che si intuisce
Piero ebbe una bella fortuna a non vedersi presentare il conto!
Ciao Piero,
descrivi così bene che pare hai cambiato nome.

nina ha detto...

E le trecce? Come non ricordare quel tormentone... Il cantante era un certo Mario Tessuto la cui effimera notorietà si esaurì con questa canzone.
Un incontro vacanziero spensierato e gradevole, senza grosse implicazioni sentimentali ma tale da lasciare in bocca il gusto proprio di un'epoca in cui, anch'io la ricordo così, tutto era più spontaneo e leggero.
Complimenti Aldo, è sempre un piacere leggerti.

Tiziano ha detto...

Ciao Aldo a venticinque anni possono succedere anche queste cose complice Lisa con la sua canzone,
buon pomeriggio.

Enrico Bo ha detto...

Caro "Piero" bei tempi quando i campeggi erano terreno di lotta e di conquista!

Sandra M. ha detto...

Ma ...solo alla fine della vacanza? Vabbè, meglio di niente.
L'estate in questione io sostenni al maturità e poi filai al mare con il moroso. Bei tempi.

Blogaventura ha detto...

Ma si, che importa se non aveva gli occhi blu... ci sono occhi castani e neri che son capaci di dirci molte più cose di un paio d'occhi blu. Un caro saluto, Fabio

giolillo ha detto...

Lisa dagli occhi blu
questa storia non mi va giù
che facevi di notte non lo racconti più
non dormivi ma stavi su
proprio chiaro non me la racconti tu!
Ciao Aldo,

Giorgio

Carlo ha detto...

Ciao Aldo. Che bella storia e quanti ricordi si porta dietro quella canzone. La tua storia, peraltro, è quella che racconta delle avventure migliori. Quelle che arrivano... senza averle cercate. E lasciano il segno.

Non ci crederai ma anche io ho una "Lisa dagli occhi blu" dei ricordi. Però, avevo 11 anni e, lei, era poco più grandicella. Mora, occhi chiari e trecce.... come la canzone.

A differenza della tua storia, rimase solamente la canzone!! Però, ero piccolino!!!!!

Ciao Aldo, buon pomeriggio!!

rosy ha detto...

Sempre alla fine succedono queste cose, chisà perche?
L'importante che il ricordo ci sia ancora, vuol dire che questa breve storia è stata vissuta con intensità
.
Buona serata Alduccio e deliziaci sempre con queste belle storie.

Ibadeth ha detto...

Meno male che è arrivata Lisa a svegliarlo, questo tizio; se no rimaneva ancora là a vedere la TV in bianco e nero chiuso in veranda o a leggere...

Punzy ha detto...

sicuro che Piero fosse un amico? ;)

Ambra ha detto...

Ma tu, dimmi, come fai a conoscere tutte queste storie d'amore? E poi mi hai lasciato una curiosità, anzi due se non tre. Dove andava Lisa alla sera, come mai aveva passato la notte in bianco (era un trucco per marpionare?) e come mai la storia è finita lì, nonostante non riposassero mai?

Nou ha detto...

Come ti dice Giolillo:"Proprio chiaro non ce la racconti tu!"

;)))

Ciao Aldì

A presto

Nou

cipralex1 ha detto...

ciao caro Aldo,

se penso a quante vacanze ho sciupato in quegli anni con il Club Mediterranee per cercare le occasioni che Piero ha trovato in un rilassante campeggio italiano...., mi consolo con questo tuo nuovo stupendo racconto che mi ha simulato dolci atmosfere di tranquillità e di avventure.

Un abbraccione. robi

riri ha detto...

Il campeggio fa l'uomo..ladro di cuori!!Un bell'incontro, due solitudini che diventano quasi amore..bel racconto, per gli occhi di Lisa non c'è problema, oggi ci sono le lenti a contatto colorate:-)) Un abbraccio forte Aldo, amico mio.

Cri ha detto...

Seeeeeeeeeee, mo' Piero se ricordava benissimo le sue labbra e gli occhi non blu! Come nooooooooooooo
(Pierino sei, altro che Piero :P)

nonno enio ha detto...

è proprio vero che l'occasione fa 'uomo ladro.... e che rosso di sera buontempo si spera.... e bravo Piero, avrai qualcosa da raccontare pure tu al bar, magari giocando a carte con gli amici... tanto loro non ti crederanno!

Sandra M. ha detto...

Ciao Aldo, ripasso per un salutino.

zefirina ha detto...

bella storia.... io in campeggio ci sono andata solo con gli scout e le storie non si potevano concludere così ;-)

rosy ha detto...

Grazie per il video che hai postato, certo che vederlo porta via la tristezza..
Grazie.
Abbraccio

AlessandraLace ha detto...

bellissima la canzone, e strepitoso il tuo racconto. un abbraccio
ps anche mamma vuole farsi scritturare all'opera

Adriano Maini ha detto...

Le sai proprio tutte, eh? :))