martedì 11 giugno 2013

ER FATTACCIO DER VICOLO DER MORO

Sor delegato mio nun so un boiaccia. Fateme scioje ... v’aricconto tutto...
Quann’ho finito, poi, m’arilegate ma adesso, pè piacere... nun me date
st’umijazione dopo tanto strazio...V’aringrazio. (Singhiozza )
Qello ch’ha pubblicato er “Messaggero” surfattaccio der vicolo der Moro”,
sor delegato mio è tutto vero. No’ p’avantamme, voi ce lo sapete, so’ stato sempre amante der lavoro; è giusto , che, pè questo, me chiedete, come la mano mia ch’è sempre avvezza, a maneggià la lima còr martello, co’ tanto sangue freddo e sicurezza, abbia spaccato er core a mi’ fratello.
Quanno morì mi’ padre ero fanello...annavo ancora a scòla e m’aricordo,
che, benchè morto lui, nder canestrello, la pizza, la ricotta, er pizzutello
nun ce mancava mai. Che, quella santa se faceva pe quattro, e lavorava...
e la marinella, le scarpette, a dì la verità, non ce mancava.
Ho capito. Me dite d’annà ar fatto, un momento... che adesso l’aricconto.
Abitavamio ar vicolo der Moro, io, co’ mi’ madre e mi’ fratello Giggi.
La sera, noi tornamio dar lavoro e la trovamio accanto alla loggetta,
bona, tranquilla, co’ quer viso bianco, che cantava, e faceva la carzetta.
E ce baciava in fronte, e sorrideva e ce baciava ancora e poi cantava...
Fior de gaggia io so’ felice co’ vojantri dua. Ar monno nun ce stà chi v’assomija”.
Poi, Giggi se cambiò, se fece amico, co’ li più peggio bulli der rione, lasciò er lavoro... bazzicò Panico, poi fu proposto pe’ l’ammonizione.
De più, me fu avvisato da la gente, che quanno io nun c’ero, mi’ fratello annava a casa pe’ fa er prepotente. P'er “ garachè”, l’amichi, l’osteria votava li cassetti der comò e quer poco, che c’era lì in famija, spariva a mano a mano. Lei però nun rifiutava... nun diceva gnente...ma nun rideva più... più nun cantava mi’ madre bella, accanto alla loggetta. La ruta... li garofoli... l’erbetta ch’infioraveno tutto er barconcino, tutto quanto sfioriva, e se seccava, insieme a mamma che se consumava. Un giorno feci: a ma’che ve sentite? State male... perchè nun me lo dite? Nu’ rispose ma fece un gran sospiro e l’occhi je s’empireno de pianto. Nèr vedella soffri, pur’io soffrivo ma ch’aveva da fa? Chiamai er dottore.Disse che er male suo era qui “ner core”e che ‘nse fusse presa dispiacere, se ‘n voleva morì de’ crepacore.La stessa sera vorsi parlà co’ Giggi, lo trovai, e feci : a Gi ‘, mamma sta male assai...nun me la fa morì de dispiacere...je voio troppo bene... e tu lo sai,che si morisse, embè... che t’ho da dì? sarebbe come er core se spezzasse.
Mentre lei guarirebbe si tornasse er tempo de ‘na vorta de quann’ eri bono... lavoratore... t’ aricordi? Giggi me fece ‘na risata in faccia, arzò le spalle e poi me disse: senti, senza che me stai a fà tanti lamenti, faccio come me pare. E poi de’ resto, se n’te va be’, nun me guardà più in faccia. E me lassò accussì, li sur cantone, cor còre sfranto. Ritornai da mamma, e la trovai davanti alla Madonna che pregava, e piagneva. Poverella quanto me fece pena. In quer momento, per vicoletto scuro e solitario,ntesi Giggi cantà, cò n’aria bulla "Fiorin d’argento accoro mamma e nun m’emborta tanto pè l’occhi tui ci ho perso er sentimento”...
Allora feci : a ma’ se mi’ fratello ritorna a casa pè fa’ er prepotente, ve giuro che succede ‘no sfragello. No... pè l’amor de Dio, fijetto bello..,Giggi ‘nun è più lui... no, è ‘na passione...so’ ‘amichi che l’hanno trasportato. Me dette un bacio... la benedizione e poi, cor viso bianco come cera,pe’ nun piagne, me disse:buonasera.
Ier’ammatina chè successo er fatto, sarà stato che so... verso le sette,me parve de sentì come ‘na lotta. Mamma diceva: a Gi’... ‘nte compromette co’ tu’ fratello... damme qui er brillocco...è l’urtimo ricordo de tu’ padre..e nun t’hai da scordà... che so’ tu’ madre. E che m’emporta a me, de mi’ fratello?Si vo’ assaggià la punta der cortello venga puro de quà. Mbè... fu un momento: sartai dar letto... spalancai la porta...e me messi de faccia a mi’ fratello, co’ le braccia incrociate sopra ar petto. In quer momento me parve de sentì na cosa calla che saliva in faccia. Poi m’intesi gelà! Fece:che vòi? Vojo che te ne vai...senza che fai più tanto er prepotente, senza che me stai a fa’ tanto er bojaccia. Mi’ madre prevedenno la quistione se mise in mezzo pe’ portà la pace ma Giggi la scanzò co’ ‘no spintone, e poi me fece : a voi sor santarello ve ce vorà ‘na piccola lezione. E’ appena detto questo, uprì er cortello e me s’avventò addosso. Mamma se mise immezzo infrattanto che Giggi dà la botta...io la scanzo... ma... mamma dà ‘no strillo e casca longa longa...Ah...diedi un urlo de berva e je strillai : a bojaccia infamone scellerato tu m’hai ammazzato Mamma! Come‘na jena me je buttai addosso e jagguantai la mano... e je strappai er cortello... Poi vidi tutto rosso...e menai... e menai!
( Lenti rintocchi di campana), con voce disperata
Sarà... mamma che passa. Mamma, Mamma Mia!... Mannateme ar Coeli!(*)
Poesia romanesca del poeta Amerigo Giuliani 2/1/1888-7/3/1922 fonte Wikipedia

(*) Regina Coeli è ancora adesso il carcere giudiziario di Roma.


27 commenti:

Ambra ha detto...

Ma che tragica questa storia! E così triste! E poi detta in romanesco è molto più incisiva che in italiano, il dialetto esprime i sentimenti in modo molto più intenso e più forte.
Bravo Aldo, è stata un'abilità ripescare questa bella poesia.

Bastian Cuntrari ha detto...

Grande il mio Monty!
Oggi mi sembri particolarmente "ispirato" e il tuo amore per Roma ancora più forte del solito.
Chissà perché?
... mubble... mubble..

zefirina ha detto...

aho quanti fattacci però succedono a roma, uffi

Fra ha detto...

Che bella e triste storia...

Enly ha detto...

A Roma ci devo andare quest'estate (forse) in vacanza :) Ci sono già stato quando avevo quindici anni.

Tomaso ha detto...

A quanto ho capito cara Aldo, mi sembra un po triste la storia, poi in romanesco non riesco ad afferrare bene le belle frasi!!! Grazie comunque che ci racconti sempre qualcosa di interessante.
Buona giornata caro amico.
Tomaso

Enrico Bo ha detto...

Grandissimo poeta il Giuliani, ingiustamente classificato come gli altri, poeta vernacolare, quasi fosse una diminuzione.

Mariella ha detto...

Bella Aldo.
Che tristezza alla fine.
Mi hai ricordato Pasolini e i suoi ragazzi di strada.
Un abbraccio.

cipralex1 ha detto...

caro Aldo,
anche se la storia è molto triste il romanesco, per me, è sempre un regalo.

Ciao Aldissimo, grazie. robi

cristiana2011-2 ha detto...

Ci ho messo un po' di tempo, per gustarmela pienamente e ce l'ho fatta,
Chissà quante ne conosci , romanaccio che sei,faccene conoscere altre!
Un abbraccio.
Cristia'

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Complimenti per la scelta.
Ti auguro una felice serata.

Carlo ha detto...

Quel dialetto romano di cui, a volte, io romano non afferro immediatamente il significato! L'ultima volta che accadde, era tanto tempo fa, a Trastevere, parlando con dei vecchi trasteverini che in quella zona vivevano!

Ciao Aldo e buona serata. Amerigo Giuliani, peraltro, è il poeta indimenticabile nell'uso del nostro inconfondibile dialetto!

Come, inconfondibile, è quel "Sor delegato mio nun so' un bojaccia..."

il monticiano ha detto...

Seppure in dialetto romanesco, che io amo molto, mi sembra di capire che la poesia sia piaciuta.
Stateve bene e un caro saluto a tutti,
aldo.

rosy ha detto...

Tutto quello che scrivi piace a tutti.
Un abbraccione

Sandra M. ha detto...

Bravissimo Aldo...che meraviglia letta (anche se faticosamente) "in lingua" !
Vicolo del Moro è in Trastevere...ci son passata.

Cri ha detto...

"Sor delegato mio, nun so' un bojaccia...": chi non conosce a Roma quest'incipit famosissimo e famigerato?
Quante storie de cortello a Roma, sanguigna e sanguinolenta, amante delle tragedie popolane e patrizie, costellata di cupissimi autentici episodi efferati, come la storia della famiglia Cenci, o le prodezze del Valentino figlio di Alessandro VI Borgia, fratello della bella e sventurata Lucrezia. Che ti puoi aspettare, del resto, da una città nata e battezzata col sangue di un altro leggendario fratricidio?

Tina ha detto...

Splendido, mi ci voleva, tra post come questo e notizie elettorali, mi sto riconciliando con la rete ;-))

Buon pomeriggio Aldo ;-))

Ibadeth Hysa ha detto...

Mamma mia, che storia triste. Sono tanto belle le poesie romanesche, però.

Nicolanondoc ha detto...

Terribile storia, dà i brividi.
Un caro saluto da tutti noi dall'isola che c'è.

chicchina ha detto...

E' piaciuta,Aldo,confermo.
Un po sanguigna e triste,ma il dialetto romanesco anche se usa tinte fosche,sembra quasi voler alleggerire la tragicità.
Un caro saluto,sor Aldo

il monticiano ha detto...

@Rosy
@Sandra M.
@Cri
@Tina
@Ibadeth Hysa
@Nicolanondoc
@Chicchina

L'ultima volta che vidi e ascoltai
questa poesia fu in TV e l'attore era Gigi Proietti.
Fu cavallo di battaglia di vari attori romani.
Stateve bene e un caro saluto a tutti,
aldo.

Costantino ha detto...

Una storia attuale più che mai.

Enly ha detto...

Roma sto ad arrivà!!! Ad Agosto sono da te!!! Dalla Brianza a Roma :)

Nou ha detto...

Ciao Aldo,
Ho capito tutto. E' una storia drammatica verosimile, a quei tempi c'erano situazioni che si regolavano così (anche oggi purtroppo). Certo che avere un fratello prepotente e scellerato come Giggi, te viene altro che da menà e menà. Bellissima prosa poetica.
Bacioni e buona giornata :)
Nou

EriKa Napoletano ha detto...

Adoro il tuo dialetto. Un caro saluto.

Sandra M. ha detto...

Eh, sarebbe bello sentirla da Proietti!

Alessandra Lace ha detto...

un'altra tragedia, proprio vai di allegria in questo periodo, ti preferisco romantico, caro Aldarè!