giovedì 17 marzo 2011

QUESTA o QUELLA PER ME PARI SONO ovvero L'INDECISO

- Allora? E’ più di un’ora che ci troviamo qui, si può sapere che aspetti?
- Devo pensarci bene
- Camillo dammi retta tu pensi troppo
- Perché tu no?
- Ma che c’entra la mia situazione è diversa dalla tua
- In che senso scusa
- Nel senso che io sono ancora giovane e te invece … insomma…
- Ma che ne sai
- Lo so, lo so. Ad un’età come la tua si pensa ad altre cose…
- No caro mio, se permetti io penso ancora a queste di cose
- D’accordo, come dici tu. Però ce la vogliamo dare una mossa?
- Si, si. Ecco vedi quella?
- Quale?
- Quella piccolina che cammina tutta impettita
- Ah si, non è male...
- Si da’ troppe arie però
- Se lo può permettere non credi?
- Questo è vero. Giovanni, sai che c’è? Io vado e ci provo
- Vai vai, io aspetto qui…
- Volo…
*******
- Bè, com’è andata?
- Giova’ fiasco completo
- E perché?
- Non sono il suo tipo
- Così stanno le cose?
- Già
- Su non t’avvilire
- Parli bene te che hai solo l’imbarazzo della scelta
- Ma quale imbarazzo, ne conosco due o tre ma ancora non ho deciso con quale…
- L’altro giorno mi hai fatto conoscere quella con il baschetto di capelli neri…
- Marinella, sì fa la cassiera al supermercato
- Si vede che è una brava ragazza e anche molto carina
- Vero, ma vedi, sono combattuto fra lei e Assuntina
- Quale? Quella biondina con quegli occhi grandi, celesti, le ciglia lunghe e…
- Cami’ ma l’hai guardata con la lente d’ingrandimento?
- Mi si è messa seduta vicino e allora l’ho scrutata bene
- Cami’ tu invece devi scrutare quella…guarda quanto è carina…
- È vero! Ci vediamo dopo Giova’, io vado…
*******
- Cami’ che t’è successo?
- M’è successo che è arrivata un’amica sua e io…
- E tu?
- Prima ho guardato bene una, poi mi sono messo a guardare l’altra e non sapevo quale…
- Ma quanto tempo ti serve per decidere…
- Il fatto è che l’una valeva l’altra e allora…
- Mica stai al mercato. Quando hai messo gli occhi su una devi guardare quella e basta…
- Pure loro però non mi degnavano di uno sguardo, anzi, pareva volessero evitarmi
- Ti credo. Tu dimentichi sempre che grande e grosso come sei non puoi innamorarti di una…
- Piccolina, sì. Che ci posso fare se a me piacciono quelle…
- E quelle si mettono paura solo a vederti da lontano
- Eppure t’assicuro che mi comporterei molto delicatamente
- Ne sono certo, ma quelle non lo sanno. Ci vuole tempo perché ti conoscano tu invece corri sempre
- Corro sì. Quanto tempo è passato dall’ultima volta che…
- Nemmeno un mese…
- Ti pare niente a te?
- Mica stanno a tua disposizione. Ci vuole pazienza, tempo e gentilezza…
- Lo so e io ce la metto tutta …
- Cami’ s’è fatto tardi, dobbiamo ritornare a casa. Mi raccomando senza fare baccano
- Hai ragione Giova' c’è quel tale a pianterreno che scoccia. Per la miseria quanto scoccia
- Domattina veniamo presto. Può darsi che incontriamo quella tua amica del mese scorso. Mi sembra di aver capito che ha degli orari un po’ strani. Cami’ vieni qua, cammina accanto a me. Però aspetta è meglio che prima ti metto la museruola e il guinzaglio.

26 commenti:

Angelo azzurro ha detto...

ovvero: dialogo tra chi s'intende!!
Ciao Aldo, buona giornata a te!!
un caro saluto

rosy ha detto...

Auguri Italia.

Aldo ti leggerò questa sera, vado a pranzo da mia figlia e il mio passaggio è breve solo per questo.

Un abbraccio tricolore.

riri ha detto...

Un dialogo magnifico, come solo tu sai fare...però è vero che questi comportamenti un pò ci somigliano?:-)
Buona giornata caro Aldo ed un sorriso.

Tina ha detto...

Bello, bello, bello... finale da risata sonora, sei un mito Aldo
;-))

enrico ha detto...

Si sa che i cani assomigliano sempre un po' ai propri padroni.
Viva l'Italia!

Ernest ha detto...

grande grande Aldo!

zefirina ha detto...

troppo forte

ciao aldo

chicchina ha detto...

Ma dico,li si potrebbe abituare ad essere più decisi,no? Ma mentre loro scelgono,magari il loro padrone si guarda attorno pure lui...
Ciao Aldo,sei una piacevolissima sorpresa,sempre..

cristiana2011 ha detto...

Sei garande Aldo!
Ma come ti vengono in mente ?
Eppoi, quando c'è di mezzo un cane...L'ho letto tre volte per gustarmelo meglio.
Cristiana

Ambra ha detto...

E' stato veramente divertente leggere il dialogo, ma il finale con sorpresa è davvero grandeeee.

Nounours(e) ha detto...

Mentre scorrevo le righe mi chiedevo come sarebbe stato il finale e già lo pregustavo.
Comunque sei sempre sorprendente!
Belle le foto dei nonni.
Un abbraccio, Nou.

Alberto ha detto...

Certe volte ci si intende meglio fra specie diverse. Io poi, col cognome che ho, devo per forza difendere l'onore della categoria.

Ibadeth ha detto...

Siamo tutti in prigione per una causa, si dice dalle mie parti. I problemi rimedierecci ce li hanno cani e umani, a quanto pare...

Francy274 ha detto...

eheheheh... bellissimo.
Sai dare voce anche al fedele amico dell'uomo per antonomasia.
Che galantuomini questi due amici,..
Buona Giornata Aldo

rosy ha detto...

Questa volta devo dire la verità ci son caduta.
Finale a sorpresa.
Bravo il mio Alduccio ci dai sempre
ottime ciliegine da fustare,
Buona giornata bacio, ciao.

Stella ha detto...

Non era scoccata la scintilla...

il giardino di enzo ha detto...

Un'amicizia con identità d'intenti.
Il finale è fantastico, iperrealistico.
Grande Aldo, con te il sole è ancora più sorridente.
Ciao

La Mente Persa ha detto...

W le specie diverse ;)

elena ha detto...

divertente e bello! comolimenti per cone è scritto... riesci farmi davvero vedere i personaggi... ciao

Carlo ha detto...

Ciao Aldo e buona serata!

Bellissima questa storia e anche con un finale da rimanere... a bocca aperta! Ero proprio curioso di capire chi fossero questi due e, invece!!!!

Mi vien da pensare, però... "che vita da cani!!!"

Ciao Aldo e buon fine settimana!

Annarita ha detto...

Troppo forte, come sempre, Aldone.

Guarda, oggi è stata una giornata pesante a scuola e così mi sono detta:"Passo da Aldo che sa farmi sorridere..."

Gianni e Camillo sono una coppia irresistibile:).

Un abbraccione.
annarita

Costantino ha detto...

Un preciso spaccato della varia umanità che popola il nostro stato.
Una perfette (e impietosa)analisi
dei pregi e dei difetti italici.

Luigina ha detto...

Forse mi sbaglio, ma mi par di aver già letto un dialogo simile fra due cani in passato. Comunque l'ho letto sempre con interesse e mi sono divertita, come sempre. Un abbraccio e buona festa del papà anche se un po' in extremis ;)

petrolio ha detto...

a noi il bromuro a loro la castrazione... non mi sembra tanto parità :( Mi vengono in mente strane associazioni tra alcuni umani e probabili specie di cani, sto immaginandomeli. Baci e buon fine settimana caro :****

Sandra ha detto...

Ciao Aldo! Son di nuovo a casa. Mi son persa tanto di te e dei tuoi bei racconti. Ma recupererò in fretta vedrai.

Nicole ha detto...

Sorrido perché tu non hai idea di come il tuo stile sia unico. Hai una giusta dose di ironia, una giusta dose di saggezza, tanto cuore e spirito. Leggerti mi stupisce e commuove sempre...ma tante volte mi strappa anche risate e sorrisi. Si, sei unico.