mercoledì 20 febbraio 2013

NIENTE DA INDAGARE

= Pronto Adeli'?
= chi parla?
= nun me riconosci? So' Domitilla
= ah, vabbe' dimme Domiti'
= com'è annata?
= nu ce so' riuscita
= ma come, t'ho detto che lo potevi fa' co' quer cortellone che c'hai in cucina
= er fatto è che se sporcava er pavimento de sangue
= dopo lo pulivi che ce voleva
= jo dato 'na padellata forte su la capoccia
= allora è jta bbene
= no perché ancora respira
= e te dajene n'artra
= abbasta che nun me se sfonna 'a padella
= dimme un po' ma tu marito beve?
= no è stemio
= nun fa gnente, aprje 'a bocca e mannaje in gola un ber po' de vino
= ma lo sanno tutti che nun beve e nun s'embriaca mai
= la scusa c'è, dovemo da di' che doppo la partita de carcetto che magara stasera hanno vinto se n'annato a...
= defatti stasera è tornato a 'na cert'ora e m'ha detto che so' annati tutti a festeggià all'osteria. Mentre l'atri so' rimasti lui invece è venuto a casa
= allora tutto quadra. Daje n'artra padellata che mo arivo così lo sistemamo come mi marito, però se dovemo da sbriga'
= ma che venghi cor suvve tuo?
= certo, co' quelle quattro rote così pesanti ce se ponno schiaccià puro li serci
= ma co' tu' marito è ito tutto liscio?
= come l'ojo. L'ho sdraiato pe' terra all'incrocio dove nun ce so' semafori e je so'passata sopra quattro vorte, tanto era quasi notte e chi me poteva vede. Eppoi mi marito era 'mbriaco come tutte le sere. Nun s'è accorto de gnente
= ma nun po' desta' quarche sospetto er fatto che doppo un mese anche mi' marito fa' la stessa fine der tuo? E per dippiù capace che se vedranno li bozzi delle padellate che jo mollato su la capoccia
= no, prima cosa perché la strada che dall'osteria, lì guasi in campagna, è buia e quanno se incrocia co' artre strade 'mportanti lì er pericolo ce sta, eccome si ce sta, semafori nun ce ne so'. Seconna cosa nun se vedrà gnente su la capoccia perché ce passamo sopra più vorte. Anzi lo sai che famo? Quanno domani dimo che tu marito nun è tornato a casa e poi se viene a sapè che ha fatto la stessa fine der mio, famo 'na denuncia ar sinnaco, all'assessore, magara ar governo e ar capo d'o stato, a tutti e chiedemo pure er risarcimento danni fisici, materiali e morali. Preparate Adeli' c'arivo
= Domiti'...eppure je volevo bene, tanto bene, bene da mori'

26 commenti:

Gianna Ferri ha detto...

Fortissima, Aldo!

Blogaventura ha detto...

Mi ha ricordato un po' quel signore che disse "Anche questo è fatto"... Dopo aver ucciso la moglie. Un salutone, Fabio... che ha trovato divertentissimo questo dialogo.

Carlo ha detto...

Porc.... lo vedi che ho fatto bene a non "risposarmi" ed a fare la vita da single?

Ciao Aldo, buona giornata!!!

Zio Scriba ha detto...

E così sei anche un comico fantastico! Questo racconto sa essere al tempo stesso terribile e scompiscioso... :D

m4ry ha detto...

Sto ancora ridendo..sono d'accordo con lo Zio Scriba..
Ahahahaha..sei fantastico Aldo ! Un abbraccio

Pupottina ha detto...

ciao Aldo, con il tuo modo di raccontare la tua vita sembra quasi di viverla o riviverla nel tuo caso ;-)

Enrico Bo ha detto...

La grana è che succede quasi sempre il contrario, Pistorius docet...

Sciarada ha detto...

Ciao Aldo, io ho cominciato a ridere ora, ma mica lo so quando finisco! ^_^
Buona giornata!

Cristiana Moro ha detto...

Questa è vera e propria istigazione a delinquere, ma spero che ti diano ascolto quelle donne che hanno dei mariti o compagni st...zi.
Grande Aldo!
Cristiana

Bastian Cuntrari ha detto...

Bellissimo racconto, Monty!!!
Per la serie "come ridere di un delitto perfetto"...

nucci massimo ha detto...

A mia moglie non lo farò leggere mai.

Cri ha detto...

Ma perché ammazzare il marito, che sarei la prima sospettata e che soprattutto può sempre ancora esse' utile a quarcosa? Io preferirei ammazza' qualcun altro. Grazie della dritta...

Sandra M. ha detto...

Sei un grande, Aldo! Ce n'avrei da schiaccià con er suvve....vedemo de sciaccialli domenica co 'na matita.
Sandra
P.s.: come vado con il vernacolo?

Enly ha detto...

Ciao Aldo, tra un pò ci saranno le votazioni (Domenica e Lunedì) ma io sono tranquillo, il 4% lo raggiungiamo. Ma vorrei dirti anche un'altra cosa: i racconti e le storie che tu pubblichi nel tuo blog scrivili in word e conservali: Sono molto belli. Anche ad un mio amico che sta scrivendo Molte lettere gli ho consigliato di conservarle e di trascrioverle al computer. Il marchese DeSade, Giacomo Casanova e Gabriele D'Annunzio sono diventati famosi anche per le Loro Moltissime lettere.

nina ha detto...

Davvero divertente, mi sembra proprio di poter dire:
Ammazzate, oh!
Ciao Aldo, vedo che la vena ha ripreso a sgorgare, continua così, ciao

Ibadeth Hysa ha detto...

Da morì, sicuro.

Tina ha detto...

...non oso pensare cosa gli avrebbe fatto se lo avesse odiato...spezzatino?

Buona serata Aldo ;-))

Nou ha detto...

Peccato o per fortuna che i suvve non siano alla portata di tutte :))

Non mi piacciono le vendette, ma questa da te descritta è molto divertente e posso chiudere un occhio sulle vittime...mamma mia!

Ciao Aldo :))

chicchina ha detto...

E meno male che je voleva tanto bene...Sei forte Aldo,ma se uno non c'ha el suvve,come fa?.
Ciao simpaticissimo.

Gap ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Luz ha detto...

Divertentissimo! Però le parole finali le hai copiate dal Quartetto Cetra, ammettilo!
Si nun fai quarche accenno al passato, proprio quello de cent'anni fa, nun sei contento eh???

Alberto ha detto...

E adesso si daranno alla pazza gioia.

cipralex1 ha detto...

Caro Aldo,
mi hai fatto apprezzare di avere una moglie senza patente e senza amiche con il "suvve"! Dovrà inventarsi qualcos'altro...

Bravo Aldissimo. Ciao. robi

Fra ha detto...

bellissimo! :)

Ambra ha detto...

Ma poi com'è andata a finire? Non le hanno condannate, vero? Hanno messo dentro sicuramente qualcun altro, definito pirata della strada.

Alessandra Lace ha detto...

questo racconto, supera tutti gli altri!!! sto ancora ridendo come una matta! grazie, caro Aldarè. buona notte