lunedì 26 gennaio 2015

QUEL SIMPATICONE...

...del cane dei miei vicini. Per la verità io sto al primo piano e loro, mi sembra, al terzo o quarto piano del fabbricato dove abitiamo. Sono l'abitante che vive qui sin dal 1969 (il più antiquato) mentre loro, genitori e tre figli, forse, se non ricordo male, soltanto da una quindicina di anni. Ottime persone, cordiali e corrette.
Circa quattro anni fa aggiunsero al loro nucleo familiare un simpaticissimo cagnolino che, con il trascorrere del tempo è diventato un bel canone. Il suo nome è GIGGI e lo hanno volutamente chiamato così perché qui a Roma Giggi sta per "Giggi er bullo", il soprannome di un personaggio caratteristico romanesco noto per i modi in cui si atteggia in alcuni frangenti. Per tutta la durata della giornata Giggi non si vede e non si sente, come se non vivesse nel nostro edificio. Ma "due volte al dì invece sì". Il bullo si fa sentire, altroché se si fa sentire e in due orari precisi: 13,30 e 20,00. Abbaia così forte che credo lo sentano a chilometri di distanza ma, qui sta la cosa strana, il suo comportamento è, a dir poco, singolare. Tra me e me mi sono ripromesso di volerne comprendere bene il perché.
Un giorno, verso le 13,30, sto rientrando a casa e, dopo aver aperto la vetrata posta dopo il portone d'ingresso, la richiudo senza accorgermi che nello stesso momento l'ascensore è arrivato al pianoterra e la giovane figliola dei vicini, con Giggi al guinzaglio, sta preparandosi per uscire in strada.
Ci salutiamo e ci scambiamo alcune frasi di circostanza mentre Giggi, il canone, fremente, è tutto proteso verso la vetrata muovendo le zampe come se stesse ballando il tip tap. Ogni tanto si ferma e volge il muso verso la giovinetta che lo tiene al guinzaglio, quasi implorandola con gli occhi. In parole povere, non vede l'ora di uscire in strada. Mi rivolgo alla giovane per invitarla a dare ascolto
al desiderio del suo canone e pertanto svanisce il mio di desiderio di volerne sapere di più su Giggi.
Sì perché appena esce dal portone e messo le zampe in strada comincia ad abbaiare furiosamente. E seguita a farlo per tutto il tratto di strada fino a quando non gira l'angolo, dopo di che silenzio, ma un silenzio talmente assoluto che quasi preoccupa. Dopo di che il bis alle 20,00. E così tutti i giorni dell'anno.
Sono arrivato a due conclusioni, la prima: Giggi ha le sue esigenze e quindi ha mille ragioni di voler uscire in strada per le due rituali passeggiate. La seconda: a Giggi stanno sulle scatole i due TG DI RAI UNO, QUELLO DELLE 13,30 E QUELLO DELLE 20,00. Ergo preferisce passare il tempo altrove e non a casa.

14 commenti:

Dumdumderum ha detto...

Come dare torto a Giggi? Anch'io mi metto a ringhiare già solo quando sento la sigla di quei due obbrobri non più degni di essere chiamati TG.

Sarah ha detto...

Secondo me, caro Aldo, è un abbaiare di felicità. Una sorta di urlo liberatorio da associare alla libera uscita :)

Zio Scriba ha detto...

Nel secondo caso potrei adottarlo io: qui di TG non se ne guardano proprio, su nessun canile, pardon, canale, non per ignavia, ma per allergia a quel modo odioso di scantilenare le notizie... :)

Pia ha detto...

Ciao Aldo.
Sei sempre il solito simpaticone.
Guarda che al canone Giggi non interessa un fico secco del TG...chiediamo alla padroncina?
Baci e serena giornata.

Ambra ha detto...

Pensare invece più semplicemente che siano solo le sue esigenze a farlo abbaiare? Perchè poi, girato l'angolo, ha assolto alle sue esigenze, come le chiami tu.

paroleperaria ha detto...

Magari, proprio in quel pezzo di strada ci sono altri cani e GIGGI li vede o anche solo sente l'odore... mi sembra l'ipotesi più valida, a parte quella dei TG!! :) :D

Ernest ha detto...

il problema sono sicuramente i telegiornali come dargli torto! un saluto Aldo

Tomaso ha detto...

Cara Aldo rieccomi in fretta per complimentarmi sempre dei tuoi racconti, molto interessanti.
Vedi io sono reduce da una grande festa in famiglia
anniversari molto importanti e anche compleanni.
Ciao e buona serata caro amica.
Tomaso

chicchina ha detto...

Penso anch'io che c'entrino i due TG.
Altra spiegazione:ha degli appuntamenti e non vuole mancare,magari cerca la sua Titina,meglio la Gigina.

Mariella ha detto...

Ahahahah potrebbe essere. Del resto quei tg sarebbe davvero meglio non guardarli.

Anna Gengaro ha detto...

Per me dice : Ciao ragà io vado a fà 'n giretto e voi fatève girà pure le palle co' 'sti fij de mignotta!".
Non ne posso più dell'arroganza di questa gente! Vorrei "sparecchiare la tavola" cor tortore.
Anna

robi ciprax ha detto...

Giggi non sopporta i Tiggi. Io sono esattamente come lui, ma con la possibilità del telecomando evito di uscire.....
Ciao Aldissimo. robi

@enio ha detto...

penso che GIGGI voglia uscire di casa per non dover vedere o sentire i due TG

Alberto ha detto...

C'è anche un Giggi nella mia casa, cugino di questo nei comportamenti.