martedì 5 gennaio 2010

QUEL VENERDI' DI LUGLIO, DI PRIMO MATTINO, MENTRE ANDAVO AL MERCATO PER COMPRARE OTTO ETTI DI ALICI DA FARE GRATINATE - Seconda edizione

Premessa
Mi piacerebbe parlare a quattr’occhi con chi inventa proverbi quali, ad esempio: “il buon dì si vede dal mattino” ed anche “le ore del mattino hanno l’oro in bocca”.
Antefatto
Il giorno prima, giovedì, avevo letto sul PC una ricetta di cucina sulle alici gratinate e, parlandone in casa, avevamo deciso che l’indomani l’avremmo sperimentata giacchè trattavasi di faccenda semplice e sbrigativa.
Avevamo tutto l’ingrediente salvo appunto le alici delle quali io ero e sono rimasto sempre molto ghiotto.
Il fatto vero e proprio
Esco da casa bello fresco e pimpante - quanto può esserlo uno che è vicino agli 80, che spera di arrivarci e magari di superarli - giro l’angolo della via che mi avvicina al mercato, quando noto un gran trambusto dettato dalla presenza di numerosi autocarri bianchi, un gruppo piuttosto consistente di persone tutte molto affaccendate intorno sia agli autocarri sia alle attrezzature necessarie per riprese cinematografiche, questo è ciò che ne deduco io. Mi domando come mai lavorano così di buon mattino ma, evidentemente, avranno dei buoni motivi. Non mi fermo a guardare così come invece si attardano a fare alcuni curiosi, quando, fatti alcuni passi, vengo fermato da una giovane signora la quale mi fa
=Scusi può attendere qui un attimino?…
A me già sentire la parola “attimino” mi fa rabbrividire, ma decido comunque di accontentare la giovane signora che in quel momento sta parlottando con un tale seduto in una poltroncina pieghevole, entrambi con i loro occhi rivolti verso la mia direzione. Mi giro un paio di volte per capire se i loro sguardi vanno verso qualcun altro ma né addietro, né avanti, né accanto a me esistono altri esseri viventi - sia umani che non. Pochi secondi appena e la giovin signora ritorna sui suoi passi e mi chiede
=Lei ha un po’ di tempo a disposizione?
=Bé veramente stavo andando a comprare delle alici per poi portarle a casa e…
=Sa perché glielo chiedo?
=No ma se indovino c’è un premio?
=Le piace scherzare vero?
=Ogni tanto specialmente alla presenza di belle signore…
=Grazie. Vede io sono l’assistente del regista…
=State girando un film?
=Veramente è una soap, sa cos’è?…>
=No sto parlando delle soap-opera a puntate, quelle che trasmettono le TV …
=Quale TV, la RAI?
=No, la stiamo girando per quel grosso gruppo di tv private che si chiama…
=Ho capito ma non le vedo
=Ha delle remore al riguardo?
=Remore no ho dei reumatismi vanno bene? Chissà forse sono parenti
=Sa che lei è un bel tipo?
=Sa che direi di non essere proprio un bel niente? Anzi un po’ sveglio sì
=Mi ascolti, purtroppo qui si va un po’ di fretta altrimenti mi farebbe piacere dialogare ancora con lei ma veda io l’ho trattenuta qui perché - ne ho avuto conferma dal regista - lei ha una figura che incarna perfettamente uno dei personaggi della soap che stiamo girando e…
=E allora?
=Allora le dispiace se le faccio alcune domande?
=Direi di no sperando però di fare in fretta altrimenti le mie alici non m’aspettano e se ne tornano in mare
=Lei è partita IVA?
=No io sono partita MINA, mi piace di più come canta
=Intendevo dire se è titolare di una partita IVA
=Sì avevo capito, sono un vecchio pensionato a riposo e non lavoro ma so rendermi utile specialmente quando devo andare a comprare le alici, ma per il momento mi pare che non se ne fa niente
=Non c’è problema, le chiedevo questo perché avremmo bisogno di lei per farle interpretare una piccola particina in questo lavoro che stiamo girando, naturalmente con un compenso non vistoso ma soddisfacente, basterà che lei, al termine della sua prestazione, firmi una ricevuta e…
=Prima di firmare sarebbe opportuno che io riscuota non crede?
=Senza dubbio, ci mancherebbe altro
=L’ho voluto precisare perché una sessantina di anni fa mi è capitata una cosa del genere, in teatro però e, al termine della tournee, l’impresario della compagnia teatrale si “dette alla fuga” lasciandomi con un pugno di mosche in mano
=Ah! meglio ancora! Quindi lei se ne intende di spettacolo. Bene, bene…
=Mica tanto. Di spettacolo no ma di come vanno certe faccende nella vita sì
=Stia tranquillo. Noi adesso le facciamo indossare un costume adatto, la trucchiamo giusto per esigenze della ripresa perché per il resto lei ha le physique du ròle
=Veramente io ho soltanto molta fretta per via delle alici…
=E’ tutto a posto, giriamo la scena alla quale deve partecipare e poi potrà andare libero dove crede, d’accordo?
=Va bene. Lei che ne dice? E’ meglio che telefoni a casa per avvisare che le alici tarderanno un po’
=Certo, certo. Venga con me che le consegno un telefonino e le presento anche il regista. Dopo che avrà telefonato la farò parlare anche con i due famosi protagonisti principali li vede? Li conosce eh?
=Non ho avuto il piacere
=Ma come? Stanno sempre in TV, hanno preso parte a centinaia di puntate di varie soap…
=E dalle! Le ho detto prima che non ho mai visto, non vedo e non vedrò mai quel genere di…
=Mi dispiace, lei è uno dei pochi…
=…fortunati, sì è il termine esatto
=Che burlone. Venga appresso a me, ecco, questo è il telefonino e questo è il copione. Quando legge il nome GUGLIELMO, che sarebbe lei…
=Non possiamo usare il mio di nome?
=Lei come si chiama?
=PASQUALE
=No, non va bene con l’ambientazione della soap, ma possiamo procedere anche senza il copione. Quando sarà sul set, inquadrato dalla camera, lei potrà parlare al cenno del regista, è tutto molto semplice. Adesso vada, si cambi, si faccia truccare e poi torni da me. Ci vediamo
Dopo oltre un’ora cominciano a girare una scena dove compare la coppia dei due famosi protagonisti principali: lei una bella stangona tipo pivot nella pallacanestro, con tutti gli attributi che le competono - veri o rifatti non compete a me l’accertamento - lui un fustone biondo che per quanto mi pare di capire ha altri interessi…Affari suoi, ognuno prende la via che più desidera. Solo io non riesco ancora a prendere la via del mercato per comprare le alici. La faccenda però si fa sempre più complicata perché le ore passano, il regista si sbraccia, sbraita, strepita, urla tante di quelle male parole verso i due “famosi protagonisti principali”, così assortite e pittoresche che io non ho mai sentito, eppure ne conosco…No, non sono quelle tradizionali. Deve averle inventate lui per l’occasione. Sono quasi le tredici quando passa nei pressi una mia coetanea che vedendomi conciato in modo un po’ particolare - vecchio costume inizio ‘800 - per di più truccato, mi chiede che cosa sto facendo. L’incontro spesso nei negozi da me frequentati quasi quotidianamente e quindi le rispondo scherzando che sto “dandomi al cinema, al teatro e alla TV” scegliere! Le chiedo se vuole un autografo, lei sorridendo mi chiede se sono impazzito! Allora ne approfitto e le dico se va al mercato e se mi può comprare otto etti di alici che le voglio fare gratinate. Mi dice di sì e si avvia. Dopo tre quarti d’ora ritorna e m’informa, con mio sommo gradimento, che pur avendo chiesto a circa una ventina di banchi del pesce, di alici neppure l’odore. Alle dieci erano già finite. Se volevo potevo acquistare qualcosa scegliendo nella famiglia dei cetacei: balena, capidoglio, pesce martello, squalo ecc. Ma solo fino alle quindici perché il mercato a quell’ora chiudeva i battenti. Non l’ho neppure degnata di una risposta. L’ho ringraziata, l’ho salutata e sono tornato nei pressi del caos. Cerco inutilmente di farmi notare dalla “giovin signora assistente del regista” facendo gesti disperati ma è tutto inutile. Verso le 16,30 - otto ore dal mio passaggio mattutino, forse sarebbe stato meglio starsene in casa - furtivamente e di corsa si avvicina l’assistente e mi sussurra nelle orecchie che la scena nella quale i due “famosi ecc.ecc.” stavano esibendosi - da oltre sette ore e circa 48 ciak - era “nel momento culminante”…sì, aggiunsi, ”del finale travolgente si fumarono zazà”…ma io sto ancora quà… e che cavolo! Finalmente alle cinque “de la tarda” tocca a me! Il regista, senza più un filo di voce, riesce a farmi capire che devo entrare, fare un inchino verso i due “famosi ecc.ecc.” e dire con voce altisonante: “IL PRANZO E’ SERVITO” Eseguo, per mia e sua fortuna, una sola volta - non credo perché l’abbia detto molto bene piuttosto lui non ne poteva più e altrettanto dicasi di me. Mi ha fatto cenno di andarmene ma prima di togliermi il costume di scena ho cercato l’assistente, l’ho trovata, mi ha dato il “conquibus” che mi spettava, ci siamo scambiati i saluti - al regista soltanto facendo ciao, ciao con la manina - e me ne sono tornato a casa senza dire “arrivederci”. Appena rientrato i miei mi hanno chiesto com’era andata la pesca di alici a Fiumicino (da Roma Km.30).
FU COSI’ CHE QUEL GIORNO NON MANGIAI ALICI GRATINATE

40 commenti:

riri ha detto...

Caro Aldo, sei uno spettacolo!! Un racconto veramente sfizioso, divertente e che mi fa pensare..spesso qui a Toino, un pò meno che a Roma, girano film, specialmente nel centro storico, farò in modo di starmene lontano, perchè con il mio viso tranquillamente espressivo e scanzonatorio verrei assunta subito:-)Sei forte Aldo, lo rifaresti? Scherzi a parte io amo molto recitare, ma l'ultima recita very important l'ho fatta alla fine della 3a.media, in un vero teatro..:-) Buona giornata ed un carissimo saluto.

Punzy ha detto...

seconda edizione???? wow! e' come la seconda ristampa di un libro? un successone, direi

serenella ha detto...

Buondì mio caro Aldo. Anch'io non sopporto chi dice "attimino", non seguoi mai le reti private", tanto meno le soap...ciò premesso, devo ammettere che il racconto è davvero simpatico. Mi passeresti la ricetta delle alici? Grazie.
Un bacio.

Nounours ha detto...

Esilarante! Mentre leggevo ho chiamato mio marito: "vien qua a leggere il racconto di Aldo che così ci gira stà giornata in allegria"Non siamo tristi, ma ognuno davanti al proprio PC. Ho proposto di far mettere i piombini alla TV ma lui è affezionato alla RAI. Io solo alla Rai3 ma non così tanto! Meno male che c'ho l'Internet! Anch'io sono curiosa della ricetta delle alici gratinate. Noi, una volta io, una volta il marito le facciamo marinate. Ci scambiamo la fatica perché farle marinate è un po' laborioso.
Buona giornata,Aldo e grazie dei tuoi racconti. Ciao.

sara ha detto...

Ciao Grande Aldo,
cerca di fare il buono che stasera sennò la tua calza resterà vuota e la befana porterà cosine buone in altri blog!

aleph ha detto...

Eccolo là, venduto per una particina da maggiordomo! Vergogna!!!! :-)))

Anna2 ha detto...

Dov'è la prima edizione,me la sono
persa???
Ciao Aldo, come và...tutto ok...
Ehhhh queste alici piacciono anche a me,in salamoia.
Hai fortuna,nell'essere stato scelto,da un'assistente regista,ma già,hai un viso importante...
Eppoi Sei un attore...
Bel racconto,Ti lascio un abbraccio
caloroso,e buona befana...
Da Anna2.

zefirina ha detto...

mi sa che sarebbe stato meglio abbuffarsi di alici gratinate!!!

luly ha detto...

Ahahah :O)
Come sempre i tuoi racconti riescono a farmi sorridere:O)
Io sono alle prese con la preparazione delle calzette.....che dici, metto tanto carbone?
Un abbraccione!

il monticiano ha detto...

Tu saresti subito ingaggiata te l'assicuro. Preparati. La prossima soap sarà "Una napoletana a Torino"
Buaona serata a te e a Nicola.

@Punzy:Proprio così, una specie di ristampa. La prima di un anno fa è stata una delle poche storie meglio sopportate.

@serenella:Pensa che quella ricetta l'avevo persino trascritta in un foglio ma non lo trovo più,
La presi da internet.
Un bacione anche a te.

@Nounours: Meno male che ha sorriso anche tuo marito.
Sai che anche a me le alici piacciono di più marinate però effettivamente c'è da lavorare.
Si può dire che vedo solo Rai Tre,
m'incavolo un po' meno.
Buona serata a voi, ciao.

@sara: Non ho scritto letterine e allora credo che non riceverò neppure carbone. Ciao Sara.

@aleph: Valgo poco e poco mi becco.

@Anna2: La prima edizione è "andata in onda" proprio un anno fa. Evviva le alici in qualsiasi modo sistemate. In sicilia le ho mangiate anche crude, senza testa, coda e spina.
Ti abbraccio anch'io e auguri.

@zefirina: Non c'è dubbio ma mi sono lasciato affascinare dalla
futura e sperata celebrità.
E invece niente, non fa per me.

@luly:Non mettere carbone per niente, quelle due stelle meritano solo tante belle cose. Ciao un abbraccione a tutti.

DIANA B ha detto...

Aldo, i tuoi racconti sono sempre fantastici, divertenti, simpaticissimi. Neppure io guardo le soap opera, non ne ho mai seguita una sola. Altra cosa che non sopporto è la parola "un attimino", già l'attimo è poco, c'è necessità di farlo ancora più piccolo?
Ce ne sono altre di cose che non sopporto, ad esempio la sciarpa messa al collo a mo' di cappio....ma qualcuno crede che faccia tanto moda!!! Altra cosa la parola... sinergia....detta soprattutto in politichese....fa tanto... uno che sa parlare!!! E che dire di quelli che portano le mani a livello delle orecchie e tamburellano il pollice e l'indice e poi.... giungono le fatidiche due parole "tra virgolette"....E per oggi mi fermo qua....ma che ne sarebbero.
Ciao Aldo se vai da me ti regalo una rosa colta nel mio giardino due o tre anni fa, una rosa per gli amici.

gianna ha detto...

qui anche girano films o programmi di TV o comerciale nelle stradde ....
pero tutto il mondo scappa....
Aldo...che pazienzia hai avuto...sei un santo....

gino ha detto...

Un racconto fantastico!
Ora vado in ... bagno!
Grazie per lo stimolo... indotto!

Viviana r ha detto...

Grande Aldo, i tuoi racconti sono sempre favolosi. Peccato leggere commenti come quello sopra di me. Ti auguro una buona giornata della Befana e una buona vita.
Viviana

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Beh, bisogna considerare anche che ha fatto un gran favore a qualcuno che ha potuto comprare proprio i t
suoi otto etti di alici :-D

Luigina ha detto...

Finalmente! Questo blog è molto affollato e si fatica ad entrare,ma una volta riusciti il divertimento è assicurato. Già il titolo era tutto un programma. Aldo mi sembrava di vederti nella scenetta e di sentire le tue risposte argute e canzonatorie. Mi sarebbe piaciuto sentire anche i commenti di chi ti aspettava con le alici da cucinare, mentre tu ti dilettavi a fare l'attore. Se si potesse ti manderei via skype un barattolo della marmellata che ho appena "invasato" come premio perché hai fatto divertire anche la Befana secondo me

amatamari© ha detto...

Ma possiamo almeno sapere quando ti si vede in tv oppure no?
:-)

Bellissimo e spassoso! Grazie.

il monticiano ha detto...

@DIANA B: Anch'io sono nauseato dall'imperversare di certe parole o frasi che danno fastidio e hai ragione ce ne sarebbero ancora oltre a quelle da te elencate.
Grazie del regalo che spero sia quello che potevo prelevare.

@gianna: Magari. Però c'è un Sant'Aldo - eremita. Di solito nel calendario viene segnalato il 10 gennaio.

@gino: Allora perlomeno un effetto l'ha prodotto.
Se non vuoi farti conoscere è un problema tuo non certamente mio.

@Viviana r.: Troppo generosa, grazie.
Per il commento che precede ci sono due interpretazioni: la prima quella che probabilmente hai pensato te, la seconda invece quella che, benevolmente o ingenuamente - scegli te - ho pensato io. Si usa comunemente dire "me la sono fatta sotto dalle risate" oppure, come diceva Toto'
"mi sono scompisciato dalle risate"
Se poi "gino" preferisce non farsi conoscere, come ho già detto, è un problema suo non di certo il mio.
Buona vita anche a te e a Mao.

@Vincenzo Cucinotta: Già a questa beneficenza certamente non cercata non ci avevo pensato.

@Luigina: Buon per la Befana allora
vorrà dire che stanotte penserò e sognerò la tua marmellata.
Ti ringrazio, ciao.

@amatamari: Lo farò sapere senz'altro, basta che non mi prendete in giro.
Grazie di tutto cara.

Daniela ha detto...

Aldo, sei unico, anche vestito da damino dell'ottocento! Ma dimmi un po', la trasmissione era per caso... "Chi le ha viste le alici gratinate?"
Un bacio^^^

rosy ha detto...

Caro Aldo per il momento ti lascio gli auguri di una buona befana adesso mi faccio il caffè, metto a cucinare e poi mi siedo e ti leggo con calma
con affetto

Angelo azzurro ha detto...

Aldo, pure le soap dopo il teatro!!
Sei unico!! E simpaticissimo. Il giorno dopo le hai trovate le alici??

NADIA ha detto...

Hola sor aldo bello!!!

non avrai mangiato alici ma in compenso hai avuro una grande parte eccome direi!!!
un abbraccio e un besito!!!

Luigina ha detto...

Il tuo Pasquale mi sa che si è rimpinzato di dolci della Befana e si è dimenticato di mandarmi la notifica email del mio commento e dei successivi, ma forse è un problema di Google che oggi mi sta facendo impazzire. Vediamo se stavolta fa giudizio?

modesty ha detto...

....è il "zàzà" che mi ha fatto ridere...esiste anche in tedesco...con tutto un altro siknifikato però.

love, mod

il monticiano ha detto...

@Daniela: Hai trovato il titolo giusto per la prossima soap opera. Bacioni a tutti.

@rosy:Grazie per gli auguri.Prima di tutto il caffèe poi il pranzo. Per il resto c'è sempre tempo.
Un abbraccio affettuoso.

@Angelo azzurro: No non le ho trovate fresche, ho dovuto aspettare il martedì successivo.

@NADIA: Hola Nadiolita.
La parte era veramente da protagonista principale.
Col binocolo!
HASTA SIEMPRE!!!

@Luigina: Oggi Pasquale mi ha veramente rotto le cosiddette.
Si sarà fermato quattro o cinque volte e sempre a lungo.
Però per i commenti tuoi e miei tutto a posto.

@modesty: Sei avara però, solo "zàzà" ti ha fatto sorridere?
love, al.

Solpiccola ha detto...

Ciao caro Aldo, I tuoi racconti sono sempre affascinanti...
Ti lascio un tenero abbraccio ed un bacio

AlessandraLace ha detto...

non ho ancora letto, ma lo farò. ti lascio i miei auguri di Buon Anno. un abbraccio

rosy ha detto...

Eccomi finalmente arrivata in via della Polveriera.
Certo che in questa strada di cose ne succedono vero caro Aldo.
Le alici gratinate sono semplicissime da fare, e sono anche ottime, ma personalmente
sarei stata più felice di dire
"il pranzo è servito" prendermi il mio come si chiama? A ecco “conquibus” e me ne sarei ritornata felice a casa tanto le alici le avrei potuto fare tranquillamente anche il giorno dopo... tu cammini per i fatti tuoi, il regista che sta girando una soap ti individua e ti invita a fare una particina, questo ci fa capire che non sei uno che passa inosservato e fin qui tutto bene.
Ma che dovevi dire " il pranzo è servito" questo e veramente troppo...perchè il tuo non era ne servito e ne pronto. Dimmi, cosa avete mangiato poi quel giorno?

Divertente come sempre, Alduccio sei un vero regista della parola e del buonumore...

Ti abbraccio
Ciao!

PS domani ritorno in via della poolvieriera per leggere la storia precedente.

il monticiano ha detto...

@Solpiccola: Grazie troppo generosa.
Un forte abbraccio.

@AlessandraLace: Auguri graditi li ricambio con un abbraccio.

@rosy: Infatti il pranzo è stato proprio scarsetto purtroppo: una minestrina leggera, due uova sode e insalata di pomodori pachino.
Mi sono rifatto il giorno dopo non con le alici però.
Ti ringrazio e ti abbraccio anch'io.

Aglaia ha detto...

adesso mi tocca seguire tutte le soap,e appena riesco a vederti dire "il pranzo è servito" potrò urlare con immensa gioia" quello lo conoscoooo!!!!!":-DDDDDD

riri ha detto...

Ciao Aldo, ti auguro un'ottima giornata, ieri è stata un pò movimentata, avevo un sacco di carbone..tutto consegnato, in un solo colpo, ai miei vicini ahahah

Nicole ha detto...

Ahahahah...Aldo, che piacere leggerti, sei uno spasso...Mi hai trascinata. Ti voglio benissimissimo ecco!

Pupottina ha detto...

eheheheh
Povero Aldo! succedono tutte a te!
come le descrivi tu le stangone, non mancano mai di nulla ;-)
le alici da fare gratinate saranno per la prossima volta... succede sempre così quando si va in cerca di qualcosa per una nuova ricetta... non la si riesce mai a concludere perché gli ingredienti risultano sempre introvabili, anche se sono cose che di solito si trovano...
un abbraccio
^________^

Nounours ha detto...

Ciao Aldo, buon pomeriggio! Sto scoprendo il mondo delle connessioni in rete fra blogger. E' un mondo nuovo per me che ho utilizzato la rete solo come ricerca di argomenti vari e di personaggi noti del mondo culturale. Sto imparando nuovi aspetti della comunicazione e della relazione fra le persone così diverse fra loro. Nessuna meraviglia sui caratteri di diversità, ma molta nel collante che spalma la rete.
Ho trovato il video della tua intervista, grande Aldo! Un po' alla volta vi conoscerò bene tutti, con o senza video e spero che la cosa sia reciproca.
Baci!

il monticiano ha detto...

@Aglaia:Non solo, quando t'incontrerò ti farò pure l'autografo.

@riri: Bè, se hanno la stufa può essere anche comodo avere una riserva di carbone.
Buona serata anche a te e a Nicola.

@Nicole: E io ricambio quel benissimo due volte, ecco!

@Pupottina: Mia cara le stangone sono la mia ossessione essendo io
un alto/basso di m.1,65.

@Nounours: Noi blogger restiamo in
attesa.
Per curiosità quale video hai trovato e dove?
Bacioni.

AlessandraLace ha detto...

grazie per la visita al mio blog. sei iscritto al candy e la sciarpetta potresti vincerla come tutti i partecipanti.non ho ancora letto i tuoi scritti,ma lo farò. un abbraccio

Francy274 ha detto...

Accidenti!! Interloquisco con una star delle soap e manco lo sapevo??
Non dici di quale soap si tratta e su quale canale viene trasmessa.. Dai che poi posso vantarmi con qualche amica appassionata di soap dicendole che il maggiordomo è amico mio :DDDD
Fammelo fare stò figurone!1
Un abbraccio uomo dalle mille risorse.

il monticiano ha detto...

@AlessandraLace: Grazie di tutto. Per la sciarpetta non ci faccio molto affidamento, non ho mai vinto
qualcosa.

@Francy274: Per l'autografo però dovrai metterti in coda, ci sono già file come ai negozi che fanno i saldi.
Un abbraccio forte anche a te.

Mammazan ha detto...

Lei,gentile giovanotto di 80, è assolutamete adorabile, divertente e scrive anche molto bene...
Complimenti!!
Grazia

susanna ha detto...

Sarà che io sono una micia e pertanto poco sveglia, e che, come si dice dalle mie parti, se mi dicono che Cristo è morto dal freddo ci credo, ma... ti è successo veramente?...

gatta susanna