giovedì 3 ottobre 2013

UNA STORIA VERA...SALVO NOMI, PROFESSIONI E LOCALITA'

Come ogni anno trascorro le vacanze in Sicilia dove sono nati i miei ed ora mi trovo qui alla stazione centrale di Palermo per prendere il treno delle 12:05 che mi consentirà di arrivare a Torino Porta Nuova domattina alle 10:45. Ho prenotato da venti giorni un posto in vagone letto e quindi sono tranquillo per il viaggio. Infatti noto una gran folla di viaggiatori vicini al treno in procinto di salire e trovare un posto libero. Da dodici anni, ora ne ho trentasette, insegno in una scuola elementare di Torino e, non essendo sposato, divido un minuscolo appartamento poco fuori città con un mio collega anche lui celibe. Malgrado le continue sollecitazioni dei miei, soprattutto di mia madre,non ho ancora trovato, ma neppure tanto cercato per la verità, la donna alla quale vada bene il mio carattere, il mio aspetto, il mio lavoro o chissà che. Finora brevi relazioni anche intense con qualche collega o con loro amiche, ma c'è stato sempre qualcosa che ci ha indotto ad interrompere, serenamente e di comune accordo, qualsiasi eventuale futuro panorama di vita. Ho già depositato nel portabagagli del mio scompartimento la borsa da viaggio e attendo che arrivi l'altro passeggero che dividerà con me il letto a castello. Farò scegliere allo stesso quale dei due preferisce, se quello di sopra oppure l'altro. Sento che il treno si sta muovendo lentamente per uscire dalla stazione. Però non è venuto nessun altro passeggero. Forse è meglio, così mi troverò più a mio agio. Ho con me un libro e quindi leggo. Appena trascorso un quarto d'ora si affaccia alla porta scorrevole dello scompartimento l'addetto al vagone il quale:
=Scusi se la disturbo signore, avrei da chiederle un favore...
=Prego, se posso...
=Si tratta di questo. Il passeggero che doveva occupare insieme a lei questo scompartimento ci ha avvisato soltanto poco prima della partenza che, per cause di forza maggiore, doveva rimandare il viaggio e quindi non si sarebbe presentato...
=Infatti ho notato che malgrado il gran numero di passeggeri che si sono affannati per trovare un posto qui ce ne sta uno vuoto...
=Appunto, signore, il treno è stracolmo, non c'è un posto libero, negli altri vagoni stanno seduti persino nei corridoi, però...
=Però cosa?
=Una persona che ha prenotato un posto in questo vagone letto, benché avvisata che non ce n'erano più liberi, per una serie di motivi personali ci ha detto che non poteva prendere il treno successivo in partenza troppe ore dopo. Ci ha chiesto quindi di salire ugualmente perché si sarebbe seduta anche nel corridoio.
=Mi dispiace ma non capisco quale è il favore che dovrei fare io. Qui il posto libero c'è, se vuole può occupare questo...
=Ecco signore, potrebbe esserci un problema ...
=Quale?
=È una signora
=Ah!
=Le crea qualche fastidio se la signora prende posto anche lei in questo scompartimento?
=A me, nessuno, forse alla signora...
=No, ha detto che la cosa non la disturba...
=Allora che venga pure...
Dopo qualche minuto ritorna l'addetto che lascia il passo ad una signora...E che signora!
=Buongiorno. Mi dispiace disturbarla ma domani mattina devo essere assolutamente a Torino per riprendere il lavoro, sa...
=Scusi se la interrompo, abbiano tanto di quel tempo, possiamo parlarne dopo non crede?
=Ha ragione. Allora sistemo le mie cose e...grazie anche a lei per aver convinto questo signore...
=Prego, le auguro buon viaggio anzi lo auguro ad entrambi..
=Ah, sì, grazie, buonasera
Mentre la signora sistema il suo bagaglio di sottecchi la osservo ...ed è un bell'osservare. Non molto alta, capelli castano scuri, lisci e una deliziosa frangetta sulla fronte, volto rotondo, personale ben tornito...il resto lo guarderò dopo con più attenzione. La prima cosa che facciamo è quella di scambiarci i nostri nomi: lei Nora io Mauro. Poi avvicinandosi l'ora di pranzo chiedo a Nora se si va insieme al vagone ristorante e lei accetta ad una sola condizione: il conto deve essere categoricamente diviso tra noi due. È inutile la mia insistenza e quindi 'concludiamo l'accordo'. Durante il pasto, non proprio eccellente per la verità, ci raccontiamo molte cose di noi stessi. Lei ha trentadue anni, cinque meno dei miei, è impiegata presso la sede Rai di Torino, vive in casa di una sorella della propria madre, torinese d'adozione da molti anni, è single ed ha un compagno, anche lui single e coetaneo che vive però a casa dei propri genitori. Aggiunge anche, bontà sua, che si vede col suo compagno in casa sua soltanto dal sabato alla domenica quando i genitori di lui se ne vanno in giro per le vicine montagne. Anch'io le racconto tutto di me finché arriva il momento in cui veniamo avvisati che il vagone ristorante ormai sta chiudendo. Il tempo è volato e noi non ce ne siamo accorti. Prenotiamo un leggero pasto per la cena e torniamo nel nostro scompartimento dopo aver sorseggiato un discreto caffè. Nessuno di noi due fuma. Trascorriamo l'intero pomeriggio fino all'ora di cena un po' leggendo e per il resto continuando a raccontarci alcune cose di noi e qualche aneddoto della nostra vita passata. Consumata la cena torniamo al nostro 'alloggio"verso le 21. Dopo un'ora decidiamo entrambi che è giunto il momento di andare a dormire, Nora sceglie il letto di sotto, io mi reco al bagno per indossare il pigiama. Lei, al mio rientro, si è già sdraiata nella sua cuccetta ed è in pantaloncini corti e maglietta a V senza maniche. Salgo al mio posto e Nora lascia a me la scelta di tenere accesa o spenta la luce. Lei non legge, io qualche pagina, poi spengo. Neppure venti minuti dopo mi sento chiamare
=Mauro dormi?
=Non ancora, perche?
=Ti va di parlare un poco'?
=Certo, aspetta che scendo.
Siamo andati avanti per ore. Abbiamo visto l'alba e poi lo scorrere delle ore, sempre parlandoci ma, come presi da una fretta inspiegabile siamo andati veloci col nostro dialogare, abbiamo parlato in sintonia con la velocità del treno. Come se temessimo di non riuscire a dirci tutto prima del nostro arrivo a destinazione.
Torino Porta Nuova è apparsa troppo presto, il treno è andato troppo veloce. Ci siamo guardati negli occhi e,solo con lo sguardo,abbiamo capito di avere lasciato qualcosa a metà.
Non ci scambiamo numeri telefonici ma, commossi, ci abbracciamo a lungo, affettuosamente, teneramente.

25 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Aldo, i tuoi racconti sono sempre belli!
Ma queste è veramente non solo bello, ma bellissimo, lo ho letto tutto piano piano, non sono un grande lettore, ma ho capito la fusione di un grande sentimento e romanticismo...
Purtroppo cesti episodi, non ritornano mai più.
Tomaso

Cri ha detto...

Cose che capitano, in treno... Incroci la vita delle persone per qualche ora, entri nella loro intimità, fai loro confidenze, ascolti le loro, vi toccate le rispettive anime in un modo che vi avvicina incredibilmente di più di quanto non lo siate con gente che fa parte della vostra vita quotidiana: e poi, all'improvviso, il treno arriva, si scende alla stazione, e le strade tornano a dividersi, il magico momento di sospensione è finito, ci si distacca, non ci si vedrà mai più. La vita è un coacervo di persistenze di rapporti e incontri fugaci. E noi, in mezzo, tentiamo di raccapezzarci e di godercela :)

Enrico Bo ha detto...

sapevo già che andava a finire così, però temo capita solo nei racconti.

Nou ha detto...

Nel viaggio in treno a scompartimenti è nata spesso una forma di intimità unita alla illusione di libertà che i passeggeri provavano allontanandosi dai limiti e dalle convenzioni della ristretta vita quotidiana.
Aldo, hai presentato un fatto di costume di altri tempi in forma elegante e ammirevole. E naturalmente romantica.

Un abbraccio :)

Ciao Nou

Paola ha detto...

Una dolce storia che sa di buono. È stata una piacevolissima lettura e mi piace pensare che magari le due anime si sono ritrovate....
Un abbraccio e buona giornata

Fra ha detto...

Carino... :)

Angelo azzurro ha detto...

Ecco perchè mi è sempre piaciuto viaggiare il treno. Anche se oggi le cose sono cambiate, e anche i treni non sono più gli stessi per l'alta velocità che brucia storie simili.
bella storia, Aldo. Mi sono vista in quel scompartimento per qualche attimo :) un caro saluto

Maria Gabriella ha detto...

E poi? finito così? Non vale!!!!!

Ernest ha detto...

eh Aldo che storia... come sempre!

nonno enio ha detto...

spesso certi incontri di una "notte", rimangono impressi a lungo forse perche irripetibili, circondato da un'aurea di favola...

nina ha detto...

Aldo, non mi ripeto ma confermo quanto ti ho già scritto. Ti dico solo che spesso prendo quel treno proveniente dalla Sicilia tornando dalla vacanza. Ho incontrato tanta gente, spesso simpatica e che mi è rimasta impressa. Ma, purtroppo, non ho mai fatto incontri così intensi.

Luz ha detto...

Un solo appunto: lui usa il pigiama? Sul treno poi? Io uno così lo terrei a distanza...

Paolo Falconi ha detto...

Ciao Aldo
Ho letto la storia e francamente penso: o Il simpatico Mauro non è molto intraprendente con le donne oppure è un galantuomo che ha stravolto il finale dimostrando discrezione e galanteria.
Le premesse confessate dallo stesso protagonista, mi fanno propendere più per la prima ipotesi.

cipralex1 ha detto...

quel lungo affettuoso, tenero abbraccio è stato un grande amore condensato in pochi attimi indimenticabili.

Stupendo, emozionante racconto.

Ciao Aldissimo. robi

Ambra ha detto...

Accidenti, che casino ho fatto. Ti ho lasciato un commento per questo post, ma devo averlo scritto da un'altra parte, ora lo cerco.

Ambra ha detto...

Proprio così, l'avevo messo sul post prrecedente. Eccolo qui.
Aldo, ma tu ne hai già parlato di Mauro e Nora! In un altro post. Anzi l'hai pubblicato forse due anni fa, questo non lo ricordo bene, ed era in realtà il seguito di questo. Mauro che la cercava, lei che non aveva più la frangetta. Ora vedo se lo trovo nel tuo archivio, aspetta.
L'ho trovato: "Mauro cerca Nora".
Questo ti dimostra che i tuoi post li leggo con molta attenzione:)

chicchina ha detto...

Bella e romantica storia,Aldo.Storia di viaggio,di emozioni,di occasioni mancate o non volute,forse,ma a far nascere un bel sentimento,una comunione di emozioni bastano pochi attimi e li portiamo dentro per una vita.

Carlo ha detto...

Per leggere le tue belle storie bisogna dimenticare in che epoca viviamo e, allora, si può anche sognare. Sognare mentre si legge e continuare ad immaginare eognare, dopo aver letto. Perché, poi, non è necessario che tu ci dia "una fine" diversa da quella che proponi. Basta far galoppare la nostra fantasia!

Ciao grande Aldo, buon fine settimana.

Enly ha detto...

Come è bella la Sicilia :...) .

Alberto Cane ha detto...

È lo spazio ristretto che porta certe volte all'aprirsi reciproco. Spazio temporaneo però. Però o per fortuna?

Enly ha detto...

Ti ho risposto al commento nel mio blog ciao.

EriKa Napoletano ha detto...

Oggi non c'è da fidarsi di dormire in un vagone letto con un'altra persona dello stesso sessso, figuriamoci di sesso diverso. Penso che questo racconto appartenga solo alla fantasia.... Un caro saluto. erika

Mariella ha detto...

Un racconto magico. Allo stesso tempo reale. Potrebbe essere accaduto anche a me. Sono cresciuta sui treni. Li amo. Ricordo tutto di loro, anche gli odori. Sono antichi, parlano di emozioni e di viaggi interminabili verso un mondo che non è migliore di quello che abbiamo lasciato, ma necessario.
Grazie Aldo come sempre, per la tua poesia.

Costantino ha detto...

I tuoi racconti lasciano sempre il segno, regalano simpatia ed emozioni!

Tina ha detto...

E si, continuo a pensare che vale la pena raccogliere i tuoi racconti nella cartella "novelle da Via della Polveriera", inoltre hai rispolverato i miei ricordi, ho fatto la tratta Torino/Messina per due anni, quando ho preso la patente ho usato la macchina.
Ho visto storie nascere dentro i compartimenti e sentito miriadi di storie soggettive che solo a distanza di tempo ho collocato al posto giusto, tu no, tu li hai descritti con una vena di tenera ironia, sei un mito.

Buona domenica Aldo ;-))
Tina