sabato 31 luglio 2010

AVEVO NOTATO IL SOGGETTO E...

malgrado siano trascorsi trent'anni me lo ricordo ancora
*******
L'osservavo incuriosito per il suo comportamento.
Un uomo alto, capelli folti leggermente brizzolati, un viso con un cipiglio duro, baffetti sottili alla
Clark Gable, distintamente vestito.
Stavamo entrambi fermi, insieme ad altre persone, in piedi sul marciapiede dove era posizionata la fermata di tre linee di autobus ognuno verso differenti destinazioni.
Il soggetto in realtà era appoggiato ad una balaustra in ferro che divideva la strada riservata ai mezzi pubblici da quella del traffico privato.
Volgeva lo sguardo verso le persone in attesa ma si soffermava soprattutto ad osservare le donne.
Un paio di autobus erano sopraggiunti, molte persone erano salite, ma il soggetto no e per la verità neppure io. Evidentemente aspettavamo lo stesso bus e insieme a noi anche altre persone.
Quando sopraggiunse il bus che aspettavo insieme ad altri ci accingemmo a salire ed io mi feci un poco da parte per far passare prima alcune donne ma venni bruscamente scansato da quel soggetto il quale, rapido come un fulmine, s'infilò tra me e una ragazza, forse ventenne, che si mise in fila dietro altri per il biglietto di viaggio.
Non feci alcuna rimostranza per evitare fastidiose polemiche.
Lo spazio era ristretto ed il bus strapieno.
Molto lentamente ci stavamo avvicinando al centro del bus dove si trovava l'uscita quando mi accorsi che il soggetto davanti a me palpeggiava con le mani il didietro di quella ragazza ventenne.
Lei si voltò due o tre volte senza parlare ma lanciando occhiate di fuoco verso il soggetto il quale, imperturbabile, con un sorriso mefistofelico sulle labbra, fingeva di guardarsi intorno.
All'ennesima palpeggiata la ragazza, furiosamente, si voltò ed esplose
= la vuole smettere porco che non è altro?
= come ti permetti?
= mi permetto sì perché mi sta maneggiando sin da quando siamo saliti
= bada come parli, tu non sai con chi hai a che fare
= con un maiale, questo è poco ma sicuro
= se le cose stanno così allora guarda la mia tessera, io sono un sovrintendente di polizia, quindi adesso scendi con me e andiamo al commissariato...Autista? Fermi questo bus!
Facendomi coraggio e a brutto muso mi sorpresi a dirgli
= scusi lei sta commettendo un sopruso e sta abusando della sua qualifica...
= e tu chi sei?
= io sono uno che ha assistito a questa ignobile scena e non sono solo, vero gentili signore?
Due donne che si trovavano sedute proprio vicino al luogo del misfatto annuirono prontamente e...
= nun solo avemo visto tutto ma se nun scenne subbito lo pijamo pure a borsate in testa...
= allora dovete venire pure voi al commissariato...
= noi nun venimo da nessuna parte e si nun te sbrighi a annattene da 'sto coso becchi pure un par de pizze su quer grugno da...
Il soggetto, servito a dovere, scese dal bus bofonchiando chissà cosa.
I commenti soddisfatti fecero scoppiare a ridere tutti i passegeri del bus, compreso la ventenne.

28 commenti:

la Volpe ha detto...

che bestie gli uomini

"In questa società, per bene che ci vada, la vita è una noia sconfinata. In questa società, nulla, assolutamente nulla riguarda le donne. Dunque, a tutte le donne che non hanno paura né delle responsabilità né delle emozioni sconvolgenti, non rimane che rovesciare il governo, eliminare il sistema monetario, istituire l'automazione completa e distruggere il sesso maschile!"

http://gos.sbc.edu/s/solanas.html

Chica ha detto...

io, due manate in faccia, glie le avrei stampate comunque!...
bella la frase postata dalla Volpe, a parte le ultime tre parole...ionon credo che alle donne interessi "distruggere" il sesso maschile...penso che sarebbe bello "costruire" qualcosa cercando di uscire dal concetto di "maschile " e "femminile"....siamo persone, dovremmo poter godere tutti degli stessi diritti, senza doverci difendere continuamente da soprusi, prevaricazioni e violenza.

ady happyborn ha detto...

ma vedi che tipo!!!! grazie per la e-mail...non consocevo la versione di gabriella ferri, l'ho fatta scoltare anche al pupo...baci

Saamaya ha detto...

Meno male che qualcuno ha ancora il coraggio di parlare a difesa degli interessi dell'Altro.

Il rospo dalla bocca larga ha detto...

Che scena assurda. Un tutore della legge che infrange la legge e per di più approfittando di una povera ragazza indifesa (fortuna che è successo in presenza di persone coscenziose) è proprio una cosa schifosa...

Purtroppo accadono queste cose, oramai non ci dobbiamo meravigliare proprio di nulla...

Bel blog... Complimenti al Monticiano.

Alla prossima.

riri ha detto...

Ci vuole un pò di coraggio, altrimenti questi esseri striscianti la fanno sempre franca...
Per fortuna che sei un galantuomo:-)
Un abbraccio un pò più fresco.

Nounours ha detto...

Veramente odioso il comportamento del poliziotto, ma confortante sapere che l'episodio si è concluso con il solidale intervento dei presenti, oltre al coraggio della ragazza.
Sono salita anch'io su uno di quegli autobus, anzi su più di uno, nel periodo di una breve permanenza a Roma. Io ho trovato un vecchietto che ci stava provando, ma l'ho fermato dicendogli che lui doveva stare assolutamente nell'area della sua seggiola e di lasciare la mia a mia completa disposizione. La gente ha guardato, ma non ha detto nulla: comunque il vecchietto ha lasciato perdere. Era una brutta abitudine, quella!
Aldo mi hai fatto ricordare la Roma degli autobus con il bigliettaio che aveva la cassettina delle monete esposta nella piccola postazione presso la porta di salita e il blocchetto dei biglietti in mano. Si doveva preparare la moneta, forse 100 lire per la corsa...sarà stato quello il costo del biglietto nel 1968?
Ricordo che l'ho trovato un po' caro e che per questo ho camminato molto a Roma.
Ciao e grazie per queste significanti immagini della vita capitolina e dei suoi abitanti... me le immagino le donne che certamente avrebbero preso a borsettate l'odioso individuo se non avesse desistito.
Siete stati forti!
Un abbraccio, Nou.

nonno - enio ha detto...

spesso capitano situazioni del genere sulla P, che da piazza Durante va verso il Duomo. Un ometto con una borsa in mano stava rusando le ginocchia di una ragazza seduta su quei sedili più alti sopra le ruote, con la minigonna invogliava e lui la rusava, ad un certo punto si è sentito uno strillo... la bimba gli aveva strappato un lembo di pelle con un pizzicotto con torsione... scena da scompisciarsi dalle risate.

Luigina ha detto...

Comincio a commentare dall'ultimo post, poi recupero. Sempre divertenti i racconti delle tue scenette. Non son tanto sicura che quello fosse davvero un poliziotto. L'avete vista davvero la tessera? Sarebbe stato interessante vedere se davvero lo avreste seguito al commissariato. Certo che ce n'è di gente con la faccia tosta. Uno ci governa perfino non c'è purtroppo da meravigliarsi. Meno male che ci sei tu Aldo a dare del filo da torcere ogni tanto ai filibustieri. Buona notte e a presto

Marianna ha detto...

passo a quest'ora per mandarti un bacino ciao ALDì notte!!!!!

dicolamia ha detto...

Sai che ti dico Aldo? In casi come questi bisogna girarsi e mollare una gran ginocchiata alle parti basse,se non una gran strizzata.
Forse trent'anni fa.....ma ora le donne sono più coscienti dei loro diritti.
Un abbraccio
Cristià

il monticiano ha detto...

@la Volpe: più che il sesso maschile io distruggerei quei soggetti di cui al post e ce ne sono, sì che ce ne sono.

@Chica: a chi lo dici. Le due signore l'avrebbero pestato volentieri e anch'io.
Sono d'accordo con te sul cercare di uscire dal concetto di maschile e femminile.

@ady happyborn: Un tipo da cui stare alla larga.
Al pupo è piaciuta di come la cantava la Ferri?
Un abbraccio.

@Saamaya: ci sono ancora persone con la testa sulle spalle e con il cervello a posto.
Benvenuta, a rileggerci presto.

@Il rospo dalla bocca larga: A distanza di oltre trent'anni quell'episodio così increscioso si è riaffacciato tra i miei ricordi.
Grazie, a rileggerci presto.

@riri: certi comportamenti non si possono proprio ammettere.
Grazie dell'abbraccio fresco.

@Nounours: Deplorevole senz'altro
il comportamento di quel soggetto e a me è tornato in mente l'intero episodio.
Grazie dei complimenti che vanno tutti ad onore delle due romane.
Anche a te un abbraccio.

@nonno-enio: Purtroppo tipi di quel genere ne girano parecchi, ma ci sono anche persone che riescono a metterli a posto.

#Luigina: La tessera la vide bene la ragazza, ma il soggetto dopo la nostra reazione se ne è andato con la coda tra le gambe e zitto.
Quello che ci sgoverna non ha limiti, è in cima alla lista.
Buonanotte anche a te.

@Marianna: Ciao, ti ringrazio e ricambio con un abbraccio.

@dicolamia: Cristia' il tuo è un ottimo suggerimento e spero che le donne se ne rammentino.
Un abbraccio anche a te.

Sandra Maccaferri ha detto...

Brava a Chica per il suo commento. Aldo che storie ti son capitate!!!
Mi hai fatto ricordare di quella volta al cinema ( avevo più o meno 13 anni, pensa un po')taaaaanti anni fa: ho mollato un manrovescio , letteralmente ROVESCIO E CON TANTO DI NOCCHE DELLE DITA ED ANNESSO ANELLO, ad un signore che seduto accanto a me che aveva infilato la mano sotto la mia gonna. C'ho messo tutta la mia forza. Ha cacciato uno strillo: l'ho beccato al naso e gliel'ho fatto sanguinare!
Era una domenica pomeriggio ed ero con una mia cugina più grande.
Buonanotte caro Aldo.

P..:Ho fatto il login nella banca della memoria ed ho visto il tuo bellissimo video!

il giardino di enzo ha detto...

Pensa quante volte ogni giorno accadono storie simili, cambiano i personaggi, le angolazioni, ma sono sempre gli anelli deboli, o presunti tali, a farne le spese.
Si chiama vigliaccheria.
Questi omuncoli che violentano donne, bambini, che danno fuoco ai barboni, o che scippano le vecchiette, hanno una tale paura della vita che il loro cervello è come silenziato, neuroni solitari incancreniti, sinapsi bruciate dalla nascita.
Un poliziotto poi! E anche fra loro assistiamo un'escalation di violenza nei confronti dei più deboli, ed è più o meno lo stesso meccanismo.
A volte mi viene voglia di rinascere cane...
Ciao Aldo, buona domenica

Luz ha detto...

E bravo Aldo, quasi nessuno ha il coraggio di intervenire, ormai nemmeno se vedi qualcuno steso sul marciapiede! Un vero Lancillotto! Alla ragazza, invece, un consiglio tutto femminile: una bella spilla da balia in tasca, basta aprirla e infilarla con estrema decisione nelle carni del porco di turno. Funziona sempre!

Maraptica ha detto...

Vedi che vuol dire avere il coraggio di dire la propria e far valere i propri diritti?! Bravo Aldo! ;)

Viviana r ha detto...

Bisognava seguirlo tutti quanti al commisariato e se per puro caso quella tessera era solo una bufala per pararsi il fondoschiena, allora erano dolori per lui e risate per voi. E capitato anche a me in treno e credo che una protesi in titanio e carbonio, sia abbastanza dolorosa quando colpisce duro e senza pietà. Io su queste cose sono feroce.
Buona vita, Viviana

Angelo azzurro ha detto...

Ciao Aldo
per prima cosa ti confermo che i croissant parigini sono proprio i cornetti che si sposano bene con il cappuccino. I nostri sono più buoni però!
Secondo, fossi stata io quella vent'enne non avrei esitato da subito a pestare "accidentalmente" ma con tutto il mio peso, quel disgraziato, così anche senza parlare mi sarei fatta capire. Bravo te che hai preso le difese della poverina. Chissà se, dopo la figuraccia, ci ha riprovato su un altro autobus 'sto personaggio indefinibile.

Alberto ha detto...

Questo trent'anni fa. Mi chiedo se una simile scena si svolgesse oggi quali sarebbero le reazioni dei presenti.

il monticiano ha detto...

@Sandra Maccaferri: Giravano, attualmente forse un po' di meno, dei soggetti psicopatici, credo, che specialmente con le giovanissime ci provavano. Più che giusta la tua reazione.
Il video è andato.
Buonanotte anche a te.

@il giardino di enzo: Purtroppo ci sono le cosiddette "mele marce" dappertutto.
Ciao e buonanotte.

@Luz: Anch'io qualcosa di buono l'ho fatta nel lungo cammino di questa mia vita.
Ottimo suggerimento il tuo, meglio del peperoncino.

@Maraptica: Grazie cara, mi sono sentito come un guerriero con tanto di elmo, scudo e spada.

@Viviana r: Purtroppo la tessera era autentica, ma a noi interessava farlo scendere,
La protesi di quel calibro è come una mazza, brava.
Buona vita anche a te.

@Amgelo azzurro: Visto la sua espressione e il suo comportamento ho paura che si sia ripetuto.
Cappuccino e cornetto connubio
perfetto.

@Alberto: Credo che ai tempi d'oggi ben pochi si azzarderebbero a tenere comportamenti del genere.

Paola ha detto...

D'istinto avrei contraccambiato... ma più che palpatina... una bella strizzatina... hehehehehe
Come molte persone c'è chi si nasconde dietro la divisa... che vergogna!!!
Altro che borsate...
Ciao caro Aldo buon inizio settimana... bacioni!!!

Ellys...o meglio Martina ha detto...

Certo che sul tuo solito autobus ne succedono di tutti i colori! Questo signore, se così può essere definito, meritava molto di più di una borsata in testa…io gli avrei tirato un bello schiaffone. La signorina è pure stata troppo calma…che schifo lli abusi di potere. Non ho parole...ma ti faccio i complimenti per esserti fatto avanti in difesa della ragazza. Grande Aldo!

Carlo ha detto...

Ciao Aldo e buon pomeriggio. Mi è montata un'inc..avolatura che non immagini! Che pezzo di fetente! Doppiamente, se era veramente un poliziotto!

Lì, ad avere un po' di tempo da perdere, c'era veramente da scendere in 4-5 e seguirlo al commissariato!! Poi, le risate si sarebbero sentite!!

Oppure, bloccarlo sull'autobus e chiamare voi... non il commissariato di PS ma i carabinieri!! Allora si che ci sarebbe stato bene un "lei non sa chi sono io!!!"

Comunque, almeno il tuo "intervento" è stato lodevole... merce rara in una società sempre più indifferente ai sopprusi!! E quelle donne che sono intervenute, belle toste!! Così si fa, con certa gente!

Non ti nascondo, comunque, che una bella strapazzatina a furia di ceffoni, l'avrei applaudita volentieri! Certe "porcate", seppur tollerante e predisposto alla non violenza, giuro che non le sopporto!

Approfittarsi di una donna è una cosa che, francamente, mi manda letteralmente fuori dai binari!!

Ernest ha detto...

mamma mia mi è venuto un nervoso leggengo questo post... un tipo così come si dice dalle mie parti bisogna imbelinarlo giù dall'autobus!
ciao Aldo

Ibadeth ha detto...

Becca su e porta a casa!

Nicolanondoc ha detto...

Caro Aldo, personalmente le donne preferisco conquistarle e poi magari dopo :-))
Un racconto di vita ben scritto e coinvolgente.
Ti saluto ed a risentirci dal mare..se non sarò troppo impegnato a correre dietro le donz..ops..volevo dire il nipotino:-)

il monticiano ha detto...

@Paola: Purtroppo ci sono in giro esseri che definire umani sarebbe troppo generoso.
Un abbraccione cara.

@Ellys...Martina: Anche se con un po' di strizza ho cercato di fare qualcosa aiutato dalle due signore.
Grazie, buonanotte.

@Carlo: Era proprio un PS, che vuoi farci. Penso che di mele marce ce ne siano dovunque, ma a volte un buon test psicologico ci vuole per chi svolge un certo lavoro.

@Ernest: Quell'episodio è di molti anni fa, ma se dovesse capitarmi di nuovo non mi lascerò sfuggire l'occasione d'imbelinarlo
Ciao amico.

@Ibadeth: E se ne andato, credimi, con la coda tra le gambe.
Grazie anche per i precedenti commenti.

@Nicolanondoc: Ho l'impressione che il tuo nipotino ti farà correre parecchio.

@enio ha detto...

@luz

sottoscrivo il tuo suggerimento alla ragazza. Prevenire è meglio che curare... e lo spillone fa il resto...